venerdì , 23 agosto 2019
Home » Polis » Città » Interruzione fornitura idrica nel vastese: Smargiassi (M5S) “si investa nella manutenzione della rete”

Interruzione fornitura idrica nel vastese: Smargiassi (M5S) “si investa nella manutenzione della rete”

Il Consigliere regionale del Movimento 5 Stelle Pietro Smargiassi chiede che l’ente gestore della rete idrica, dopo che ieri era stata disposta la sospensione della fornitura di acqua corrente in numerosi comuni del vastese per interventi urgenti di manutenzione, si attivi subito per ripristinare il servizio:

 “Oggi parliamo di una frana che avrebbe danneggiato la conduttura, ma il problema è che la rete gestita da SASI è  sostanzialmente vecchia e le interruzioni nella fornitura di acqua in queste zone sono all’ordine del giorno. Gli operatori turistici, che stanno cercando di salvare la stagione estiva dopo i numerosi danni arrecati dal maltempo, non possono essere costretti anche a dover fronteggiare i disservizi causati dalle chiusure del servizio idrico. Oltre a loro ci sono intere comunità del vastese stanche delle croniche chiusure del servizio idrico disposte ciclicamente da SASI per porre in atto interventi di manutenzione ordinaria e straordinaria”. Il Consigliere ha spiegato come “non sia possibile limitarsi solo ad interventi spot per le manutenzioni da parte di SASI. Non mi stancherò di ripetere, come già fatto in passato, che è necessario mettere in atto un piano di ammodernamento delle condutture proprio per evitare il costante ripetersi dei disservizi causati all’utente. SASI deve investire parte dei propri ricavi sull’ammodernamento della rete idrica e non solo sulla manutenzione. Sul tema” ha concluso Smargiassi “chiederò al Presidente Marsilio di istituire un tavolo di confronto. Se è vero che SASI non è sotto il controllo regionale, è altrettanto vero che i vertici aziendali sono stati più volte auditi in vigilanza, senza contare che i settori che risentono dei disservizi dovuti alle interruzioni di acqua, come ad esempio sociale, agricoltura e turismo, interessano direttamente la Giunta Regionale”

Guarda anche

Ordinato lo sgombero per il CAS di Castellana: Il sindaco Marinelli “pericoli per la salute pubblica”

Pianella - Un controllo da parte del dipartimento di prevenzione della ASL di Pescara ha fatto emergere una condizione di sovraffollamento presso il Centro di Accoglienza e Soggiorno Immigrati (CAS) di Castellana. La struttura, infatti, prevede una recettività massima di 9 persone in luogo delle 14 presenti, condizione che come riferisce l'Amministrazione comunale, <>.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

tre × 5 =