martedì , 21 gennaio 2020
Home » Focus » Ambiente » SIN Bussi: Marcozzi (M5S) “confermata l’attenzione del Ministro Costa sul tema”

SIN Bussi: Marcozzi (M5S) “confermata l’attenzione del Ministro Costa sul tema”

 Con il lavoro svolto in questi mesi dal governo, col Ministro Costa che si è speso in prima persona e in più di un’occasione, lo Stato si è schierato con maggiore decisione al fianco dei cittadini. A cominciare dallo sblocco delle procedure per far partire la bonifica dei territori, proseguendo poi verso la ricerca della giustizia e del diritto alla salute per i cittadini abruzzesi. Se, da una parte, il processo penale si è chiuso con una serie di prescrizioni, dall’altra il risarcimento del danno è ancora esigibile. Così, grazie all’accelerazione data dal governo targato M5S, è arrivata la richiesta di un miliardo di euro alla Edison”.

“La questione Bussi va avanti da decenni, senza che nessuno abbia mai realmente pagato per il danno che è stato fatto alla salute dei cittadini. Questo non è accettabile quando si ha a che fare con uno dei siti più inquinati d’Europa, che ha causato danni irreparabili alla nostra acqua e al nostro terreno, contaminato da sostanze inquinanti e che ha fatto registrare registrare valori, in certi casi, superiori di mille volte rispetto alla soglia regolare di salubrità. Nell’incontro di oggi molti spunti d’azione sono stati forniti dal Comitato Bussi in MoVimento al Ministero che si è impegnato a valutarne le fattibilità. È il momento di ristabilire giustizia sulla vicenda e continuare su questa strada per arrivare a risultati concreti dopo le battaglie, prima da cittadini e poi dall’interno delle istituzioni, che combattiamo da anni. Sappiamo che i tempi potrebbero non essere brevi, ma insieme, con l’appoggio fondamentale del Ministro Costa e dei suoi uffici, possiamo farcela”.

Guarda anche

Spoltore riconosciuto “comune riciclone”

Spoltore – L’amministrazione di Spoltore si è aggiudicata il premio Comune Riciclone per aver rispettato …

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

tre × 4 =