domenica , 5 aprile 2020
Home » Polis » Economia » Distretto Rurale Costa Altoadriatica d’Abruzzo, firmato il protocollo

Distretto Rurale Costa Altoadriatica d’Abruzzo, firmato il protocollo

Montesilvano – Si è svolta questa mattina, nella Sala Consiliare del Comune di Montesilvano, la presentazione del protocollo d’intesa per la costituzione del Distretto Rurale Costa Altoadriatica d’Abruzzo tra i Comuni di Montesilvano e Silvi, l’Università degli Studi Gabriele d’Annunzio di Chieti – Pescara, Confagricoltura Abruzzo, Industrie Alimentari Rolli Spa, S.A.L.P.A. ed Eco-Italy Società Agricola Cooperativa. Sono intervenuti il sindaco di Montesilvano Ottavio De Martinis, il sindaco di Silvi Andrea Scordella, il delegato del rettore per l’Agroalimentare, professor Angelo Cichelli, il direttore regionale di Confagricoltura Abruzzo Camillo Colangelo, l’amministratore delegato della Rolli Spa Dott. Luca Tomasella, l’amministratore delegato Dott. Lorenzo Cerretani e il direttore amministrativo finanziario Dott.ssa Nadia Gagliardi, entrambi di S.A.L.P.A. e il legale rappresentante di Eco Italy Dott. Vincenzo Di Sabatino.

Nel protocollo sono specificati gli obiettivi e le finalità del Distretto Rurale della Costa Altoadriatica d’Abruzzo, che ha l’intento di promuovere politiche finalizzate a mettere in atto: processi di coesione e correlazione tra i diversisettori produttivi presenti all’interno del distretto rurale; la riorganizzazione delle filiere produttive, comprese quelleforesta-legno e dell’agroenergia, ai fini dell’incremento della competitività e della salvaguardia ambientale; lasostenibilità ambientale anche attraverso la promozione dell’efficienza energetica e lo sviluppo di risorse energeticheda fonti rinnovabili; il mantenimento e crescita dei livelli occupazionali del settore, anche attraverso lavalorizzazione delle risorse umane disponibili; la creazione e il miglioramento di strutture produttive edinfrastrutture di servizio adeguate per le esigenze funzionali del distretto; lo sviluppo di relazioni economiche fra isoggetti del distretto in chiave interprofessionale; la conservazione, la tutela e la valorizzazione delle connotazionipaesaggistiche ed ambientali del territorio, anche attraverso la promozione della multifunzionalità dell’agricoltura.Come riportato dal documento nello specifico queste azioni hanno l’obiettivo di valorizzare le produzioni agricole ed agroalimentari enfatizzando la relazione tra prodotto e territorio; favorire la concentrazione dell’offerta in logica difiliera e di multi filiera; predisporre condizioni infrastrutturali di servizio e alle esigenze delle produzioni agricole edagroalimentari; garantire la sicurezza degli alimenti; sostenere la proiezione sui mercati nazionali ed internazionalidelle imprese; migliorare la qualità territoriale, ambientale e paesaggistica dello spazio rurale; predisporre strumenti tecnici che favoriscono investimenti aventi quali precipuo obiettivo l’inserimento delle relazioni fra impresedell’agroalimentare; contribuire al mantenimento ed alla crescita dell’occupazione anche mediante la creazione diun incubatore di impresa; sviluppare attività di formazione, ricerca applicata e innovazione riguardo alle produzionidel territorio.

“Il 13 gennaio scorso – ha dichiarato il sindaco De Martinis – ci siamo riuniti per ragionare insieme sulla realizzazione di un distretto rurale, che a breve sarà riconosciuto anche dalla Regione Abruzzo, diventando così il primo distretto rurale d’Abruzzo, dopo vari tentativi negli anni passati di altri comuni. Da oggi potranno unirsi anche nuovi enti e imprese per ragionare sull’agroalimentare per la valorizzazione del nostro territorio in maniera più sinergica e come strumento per partecipare a bandi per l’ottenimento di fondi ministeriali. La trasformazione agroalimentare è un processo tecnologico ed economico che crea un valore aggiunto ad un prodotto agricolo ed è molto importante per l’economia locale. In questo nuovo percorso sosterremo le impree e tuteleremo le nostre eccellenze. Con piacere ho inziato questo percorso con partners di tutto rispetto: dal Comune di Silvi all’università fino a Confartigianato e le aziende coinvolte”.

Soddisfatto anche il sindaco di Silvi Andrea Scordella: “La nascita del Distretto permetterà la crescita di ampi scenari di sviluppo per le aziende piccole, medie e grandi – ha affermato Scordella – e per attrarre fondi europei al fine di migliorare l’attività di produzione agricola, trasformazione industriale, distribuzione e consumo di prodotti alimentari, estendendo questa occasione anche ad altri enti e a soggetti che convivono nell’area in questione. Questo è un contenitore con altissime professionalità e con soggetti attuatori che operano in prima linea per lo sviluppo del territorio. L’università garantirà la qualità e le aziende con la loro sperienza contribuiranno ad accrescere il nostro livello per dare risposte ai cittadini e agli imprenditori impegnati in questo settore”

Guarda anche

Blasioli su lavoro: “Sciopero alla Dayco che ha ripreso la produzione a Manoppello e Chieti”

La Regione controlli e intervenga, seguendo il modello Brioni”   Pescara – “La Regione attivi …

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

quattro × 4 =