domenica , 16 Giugno 2024

Coronavirus, la filiera del latte e del fresco in sofferenza

Pescara – C’è una contrazione nei consumi del latte e della filiera del fresco in Abruzzo, nonostante che il comparto agroalimentare stia garantendo l’approvvigionamento alimentare nei supermercati. La Giunta regionale è pronta ad intervenire anche “con strumenti straordinari”. Lo anticipa il vicepresidente dell’Esecutivo, e assessore all’Agricoltura, Emanuele Imprudente, alla redazione dell’organo regionale di comunicazione “Sos Coronavirus”.

“Abbiamo un raccordo costante con i produttori e le associazioni di categoria e stiamo già agendo sulla grande distribuzione affinché si privilegi il latte abruzzese e italiano e si promuova il fresco locale. Nel momento in cui avremo un quadro reale dei danni siamo pronti ad intervenire con strumenti straordinari. Intanto consumiamo latte e prodotti del fresco abruzzese. E’ questo lo slogan da lanciare”. Imprudente annunciato di “aver fatto un accesso agli atti al Ministero della Salute” in ordine a quanto avvenuto con la chiusura delle frontiere all’esportazione di prodotti italiani, subito dopo l’impennarsi dei contagi in Italia, “mentre i prodotti stranieri continuavano a circolare liberamente. Vogliamo capire, in un contesto di studio di interventi a sostegno del settore, chi ha diritto realmente agli aiuti”.

Guarda anche

TERNA: RIAVVIATO IL PROCEDIMENTO AUTORIZZATIVO DEL NUOVO ELETTRODOTTO “GISSI-LARINO-FOGGIA”

Previsto un investimento di oltre 270 milioni di euro Roma – Il Ministero dell’Ambiente e della Sicurezza Energetica …

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *