giovedì , 20 Gennaio 2022

Coronavirus: Febbo annuncia “faremo ordinanze per riaperture” polemiche dall’opposizione

FEBBO “ABRUZZO IN GRADO
DI APPLICARE PROTOCOLLI DI SICUREZZA”

Pescara – L’assessore allo Sviluppo economico, Mauro Febbo, contesta ancora la gradualità della Fase 2 del Governo e annuncia che l’Abruzzo “farà le ordinanze per concedere le aperture, sempre nel rispetto dei protocolli e nel rispetto della massima sicurezza ma faremo ordinanze che sorvoleranno questo Dpcm. Se il Governo vorrà impugnarle, le impugnasse” una dichiarazione che sta scatenando reazioni e polemiche da parte dei partiti di opposizione.

L’Assessore chiarisce alla redazione di “Sos Coronavirus” che l’Abruzzo è stata tra le regioni più virtuose e più ligie “nell’applicare le prescrizioni del Governo e, dunque, è altrettanto in grado di ripartire rispettando i protocolli di sicurezza, attrezzando i vari ambiti di attività”. Febbo cita la riapertura di Sevel e delle aziende dell’indotto: “Stiamo monitorando, mi pare che le cose stiano andando per il meglio. Ecco perché il Governo deve darci una mano in questo, capendo che chi riapre sa che guadagnerà lo stretto necessario ma almeno non perderà la clientela e potrà guardare al futuro con minor preoccupazione”.

LICHERI (SI) “IL GOVERNO NAZIONALE INTERVENGA

«Se ciò che annunciano fosse vero sarebbe la conferma della loro inettitudine e irresponsabilità.
Questo potrebbe significare vanificare i sacrifici dei cittadini Abruzzesi che da quasi due mesi soffrono e combattono, e rischiare che riparta tutto daccapo» questo il duro commento di Daniele Licheri, Segretario Regionale di Si Abruzzo che prosegue. «Avete ritardato la consegna delle mascherine e dei dispositivi di sicurezza, avete ritardato il tamponamento del personale sociosanitario, avete ritardato la consegna delle domande di CIG all’Inps.
Quando finirà questa maledetta pandemia ci ricorderemo che nonostante la vostra totale inefficacia ci siamo riusciti e ne siamo usciti: questo nonostante questa Giunta regionale e questo Presidente abbiamo passato il loro tempo esclusivamente a fare la guerra al Governo nazionale senza occuparsi del benessere dei propri cittadini.
Vi faccio una promessa: come opposizione lavoreremo alacramente per mandarvi a casa il prima possibile.
Chiedo formalmente al Governo e al Ministro Speranza di intervenire per fermare questi scellerati».

MARCOZZI: “SE MARSILIO AUTORIZZA RIAPERTURE CONTRO PARERE TECNICI, SI ASSUMA OGGI LA RESPONSABILITÀ DI EVENTUALI NUOVI DECESSI”

“Non si arresta nemmeno davanti alle difficoltà degli abruzzesi nell’emergenza Coronavirus la propaganda del centro destra in Abruzzo. Lo dimostrano dichiarazioni del Presidente di Regione Marsilio e del Presidente del Consiglio regionale Sospiri, che vaneggiano di Fase 2 anche se Regione Abruzzo non ha elaborato o non ha ancora reso pubblico – non so cosa sia più grave – l’indice di contagiosità R0, che rappresenta il numero medio delle infezioni prodotte da ciascun individuo infetto dopo l’applicazione delle misure di contenimento dell’epidemia. Quant’è l’indice R0 in Abruzzo? Come si ha il coraggio di parlare di ritardi del governo nazionale quando il tempo di attesa medio per l’esito di un tampone nella nostra regione è di 15 giorni? Marsilio non ha reso noto né un piano per affrontare la seconda fase della pandemia, né uno per effettuare i test sierologici, né uno per fare tamponi a tappeto”. Lo afferma Sara Marcozzi, Capogruppo del M5S in regione.

“Marsilio e Sospiri cavalcano, anche poco elegantemente, le difficoltà e le paure degli abruzzesi gettando benzina su un fuoco, quello del virus, ancora alto, e invocano, senza averne gli strumenti e avendo già dato prova di imperizia e inadeguatezza nella gestione dell’emergenza, misure diametralmente opposte rispetto alla prudenza giustamente invocata dalla relazione del Comitato Tecnico Scientifico alla base delle scelte dello Stato. Tutti auspichiamo di tornare al più presto a una vita normale ma lo si potrà fare quando ci saranno le condizioni necessarie e sufficienti. Basti guardare cosa accade oggi in Germania: a una settimana dalle riaperture l’indice di contagiosità è tornato pericolosamente ad alzarsi tanto da stimolare il dibattito su nuove chiusure. Con la differenza che in Germania il servizio sanitario nazionale è molto più efficiente del nostro perché non è stato depotenziato, fiaccato e svilito come accaduto in Italia dai precedenti governi di Centrodestra e Centrosinistra. Forse Marsilio ipotizza riaperture a pioggia per riempire il nuovo Covid Hospital di Pescara e dare un senso compiuto alla sua costruzione?” ironizza Marcozzi.

“La propaganda di Lega e Fratelli d’Italia rischia di mettere ulteriormente in pericolo la salute dei cittadini. Infatti, mentre le decisioni prese dal Governo Conte si fondano su precise disposizioni scientifiche e mediche, non capiamo su quali basi si muovano le affermazioni degli esponenti di Lega, Fratelli d’Italia e Forza Italia nella nostra regione. L’unica fonte possibile è l’Assessorato alla Propaganda. Al contrario, la sofferta decisione del Premer Conte che, in vista del 4 maggio, ha limitato la riapertura ai soli settori dell’edilizia, della manifattura e del commercio correlato alle precedenti attività, dipende dalle valutazioni del Comitato Tecnico Scientifico. Il Comitato ha stilato un documento che indica come una riapertura più veloce porterebbe a un nuovo aumento incontrollato dei contagi, con conseguente nuova saturazione delle terapie intensive e nuovi decessi nello spazio di poche settimane. Un rischio che il Governo nazionale non è disposto a far correre ai cittadini italiani, ed è impossibile capire perché, Marsilio vorrebbe farlo correre a noi abruzzesi. Oltretutto, all’interno Comitato è presente anche Alberto Zoli, un rappresentante scelto dal Presidente della Conferenza delle Regioni e Province autonome. Significa che il Presidente Marsilio avrebbe dovuto conoscere, o quantomeno informarsi, sulle motivazioni che hanno portato il Governo alle scelte comunicate ma, alla luce delle dichiarazioni che stiamo leggendo, non sembra essere andata così”.

“Ma questo non è tutto, se da un lato il centro destra abruzzese mostra un atteggiamento muscolare nei confronti del governo nazionale, usando in modo irresponsabile l’arma della propaganda e andando in direzione opposta rispetto ai pareri dei sanitari, dall’altro scappa dalle opposizioni. Sono settimane che non vengono convocate riunioni in videoconferenza, commissioni, o, men che meno, Consigli regionali. Mi auguro che il Presidente Marsilio e tutta la maggioranza non vogliano veramente mettere a rischio la salute degli abruzzesi, e ascoltino alla lettera il parere del Comitato Tecnico Scientifico. Altrimenti assuma sulla sua persona oggi stesso la responsabilità delle eventuali future vittime. Creare un nuovo aumento di contagi adesso manderebbe in frantumi la fatica che gli abruzzesi hanno fatto, ed è una cosa che non possiamo permettere”, conclude Marcozzi

 

Guarda anche

Al Comune di Teramo incontro con i sindacati per la tutela dei livelli occupazionali Tercoop

Teramo – Incontro sindacale proficuo questa mattina, nella sede municipale di Via Carducci tra le …

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

4 × 1 =