domenica , 12 luglio 2020
Home » Passioni » People » La solidarietà delle Democratiche abruzzesi a Emanuela Di Giovambattista: Tinari si dimetta
Emanuela Di Giovambattista

La solidarietà delle Democratiche abruzzesi a Emanuela Di Giovambattista: Tinari si dimetta

L’Aquila – La Conferenza delle Democratiche abruzzesi esprime vicinanza e solidarietà ad Emanuela Di Giovambattista, segretaria del Partito Democratico dell’Aquila, per il grave attacco sessista di cui è stata vittima. «Attacco di una gravità inaudita. Perché proviene dal presidente del Consiglio comunale dell’Aquila, Roberto Tinari, figura istituzionale, che dovrebbe tutelare e promuovere attraverso i propri comportamenti il rispetto nei confronti delle donne, e invece approva e incoraggia, sui social network, attacchi e insulti rivolti a Di Giovambattista non in quanto esponente politico, ma in quanto donna che esprime le proprie opinioni e ingaggia la battaglia politica, ledendo la maestà dell’uomo avversario» ha  sottolineato in una nota la Conferenza Democratiche abruzzesi (donne Pd Abruzzo).

«Tinari, –aggingono le Democratiche abruzzesi– personaggio del tutto inadeguato non solo rispetto al ruolo che ricopre, ma anche rispetto a numerosi ipotetici altri che richiederebbero sensibilità non tanto e non solo istituzionale, ma anche aderente e coerente con il vivere civile, dovrebbe dignitosamente, silenziosamente, rassegnare le dimissioni. La questione politica investe chiaramente il partito di cui fa parte, Forza Italia: saremmo curiose di sapere cosa ne pensano delle gesta di Tinari Mara Carfagna, già ministro delle Pari Opportunità, vicepresidente della Camera, e Maria Elisabetta Alberti Casellati, presidente del Senato, che hanno fatto da sempre della battaglia a favore dei diritti delle donne un segno distintivo del loro impegno politico. Tinari è uno di voi?

Guarda anche

La Pescara che ama in piazza per dire basta a violenza, intolleranza, omolesbotransbifobia, misoginia, razzismo

Pescara – Domenica 12 luglio in piazza Sacro Cuore a Pescara alle ore 21  per ribadire …

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

quattro × uno =