martedì , 11 agosto 2020
Home » Polis » Economia » Pianella: Il comune invia la TARI, pagamenti a fine anno e storni per le chiusure da lockdown

Pianella: Il comune invia la TARI, pagamenti a fine anno e storni per le chiusure da lockdown

Pianella –  L’amministrazione comunale aveva delineato sin dall’inizio il percorso per cercare di mitigare gli effetti dovuti alle ripercussioni economiche che la pandemia ha generato soprattutto nelle categorie maggiormente esposte ed ora, con l’approvazione della delibera di giunta ed il successivo invio degli avvisi agli utenti, si conclude l’iter amministrativo.

L’assessore ai tributi Marco Pozzi, spiega come ha agito l’amministrazione: “Abbiamo lavorato con gli uffici per delineare un percorso che consentisse di posticipare il più possibile il pagamento della TARI per tutti gli utenti ed allo stesso tempo siamo riusciti a trovare le risorse per finanziare lo storno sia della quota fissa che della quota variabile per tutte le attività (codici ATECO), che hanno subito la chiusura forzata nella fase 1 della pandemia per l’intero periodo di chiusura.”

“In questi giorni – aggiunge l’assessore – stanno partendo gli avvisi di pagamento che, per gli utenti che hanno fornito un indirizzo mail, saranno recapitati direttamente tramite casella di posta elettronica, modalità per la quale auspichiamo una sempre maggiore diffusione che consentirà ulteriori economie in futuro; da quest’anno il processo di digitalizzazione che stiamo portando avanti con grande impegno, aggiunge l’opzione di pagamento tramite l’applicativo “Pagopa”, i cui costi di commissione dipendono dal proprio operatore bancario. Per la prima volta, inoltre, gli avvisi conterranno anche gli estremi catastali delle unità immobiliari per le quali è richiesto il pagamento, garantendo una maggiore facilità di lettura della bolletta. Qualora queste informazioni non dovessero essere presenti o fossero inesatte, sarà comunque possibile segnalarlo all’ufficio competente per gli opportuni aggiornamenti”.

“ Le scadenze – conclude Pozzi – sono state frazionate nelle tradizionali 3 rate con termini al 31 agosto, 31 ottobre e 31 dicembre, cercando di spostarle il più possibile in avanti per allontanarsi dal periodo più critico della pandemia ed evitare accavallamenti con altre scadenze tributarie. Gli uffici dal primo luglio sono tornati alla piena operatività, ma per gestire al meglio l’afflusso dell’utenza ed evitare assembramenti, per l’ufficio tributi è stato predisposto un sistema di accesso a prenotazione, per cui sarà possibile per gli utenti che devono recarsi agli sportelli, telefonare per prendere un appuntamento a giorno ed ora concordati con il funzionario addetto.”

Guarda anche

Cassa integrazione artigiana, imprese e lavoratori attendono ancora tre mensilità

L’Ente Bilaterale regionale: «Ritardi inammissibili del governo, mancano circa 8 milioni» PESCARA – Il nuovo …

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

dodici − sette =