martedì , 21 Settembre 2021

OCCUPAZIONI ABUSIVE A MONTESILVANO: MURATI INGRESSI DELL’EX HOTEL PARADISO

Montesilvano: Questa mattina sono stati murati gli ingressi dell’ex Hotel Paradiso, occupata abusivamente fino a qualche settimana fa alcune persone senza fissa dimora. La ditta, incaricata dalla Asl di Pescara proprietaria della struttura, ha provveduto alla pulizia degli ambienti interni e a igienizzare tutti i piani, mentre un’altra ditta è impegnata fino a domani nella muratura degli ingressi del piano terra e dei livelli fino all’ultimo piano. Sono stati intensificati anche i controlli di vigilanza nelle aree esterne. 

L’ex Hotel attualmente è in stato di abbandono, fu costruito nel 1959 e acquistato dalla Asl nel 2004 per 1 milione e 200 mila euro circa con l’obiettivo di convertire la struttura a un ricovero per persone con disturbi psichiatrici. Il progetto però non fu mai realizzato. L’edificio di tre piani, con 27 camere e un giardino con piscina, non rispettava le normative antisismiche e le leggi in materia di barriere architettoniche e la Asl avrebbe dovuto investire una somma troppo ingente. 

<Da alcuni mesi la nostra amministrazione comunale – spiega il sindaco Ottavio De Martinis – sta ragionando con i proprietari un’azione di prevenzione e riqualificazione della struttura, situata a ridosso del mare e della pineta, in una zona strategica della città, soprattutto dal punto di vista turistico. Nelle prossime settimane saremo in grado di dare delle risposte certe, insieme alla Asl di Pescara, sulla destinazione d’uso dell’immobile>.

<Con l’arrivo della bella stagione cercheremo di intensificare i controlli per scongiurare altre occupazioni – spiega il consigliere Forconi – . Anche per Villa Falini abbiamo incrementato la vigilanza e abbiamo murato un altro livello per evitare il perpetuarsi di occupatori abusivi>. 

Guarda anche

Montesilvano, via Rimini: sventata dalla P.M. occupazione abusiva

Montesilvano – La polizia locale ha sventato un’occupazione abusiva grazie alla segnalazione di alcuni residenti, …

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

quattro × 1 =