lunedì , 10 Maggio 2021

Visita del ministro della Salute, Roberto Speranza in Abruzzo

Marsilio il Ministro tocca con mano le capacità dell’Abruzzo

L’Aquila – “Spero che questa visita sia stata utile per far comprendere al Ministro come l’Abruzzo stia partecipando attivamente a questa battaglia contro il Covid, come sappia spendere bene i fondi con progetti all’altezza delle necessità”. E’ il commento del Presidente della giunta regionale, Marco Marsilio che, questa mattina, ha accompagnato il ministro della Salute, Roberto Speranza in una giornata tutta abruzzese iniziata con la visita nella sede della Piccola Opera Charitas di Giulianova e conclusasi all’università di Teramo dopo la visita in ospedale e al Centro zooprofilattico.

E’ stato il ministro della Salute, Roberto Speranza, infatti, a inaugurare il Centro vaccinale nel Campus Universitario di Coste Sant’Agostino dell’Università accolto dal Rettore Dino Mastrocola. Il ministro ha molto apprezzato il lavoro svolto in Abruzzo ed ha sottolineato come oggi più che mai c’è piena consapevolezza di quanto conti il sistema salute, investire sul servizio sanitario nazionale, su uomini e donne che vi lavorano, con la capacità di costruire un grande patto con tutte le energie in campo. Presenti anche l’assessore regionale alla Salute, Nicoletta Verì, l’assessore Pietro Quaresimale oltre al direttore generale della Asl Maurizio Di Giosia e il  responsabile vaccinazione Abruzzo per il Covid, Maurizio Brucchi.

“Abbiamo fatto toccare con mano la nostra capacità di spendere bene, in tempi brevi – ha detto Marsilio – i fondi del potenziamento della rete Covid. Il ministro, infatti, ha visitato l’ospedale Mazzini con i reparti di terapia intensiva e sub intensiva e pronto soccorso, realizzati in pochi mesi riutilizzando locali abbandonati da anni.

E’ stato poi all’istituto zooprofilattico di Teramo dove ha preso atto della qualità dei nostri laboratori, primi in Italia ad individuare le varianti del virus, oltre ad avere una capacità straordinaria di processare migliaia di tamponi. Ho annunciato al ministro che, nei prossimi giorni, saremo in grado di depositare al ministero il riordino della rete ospedaliera, proprio per riportare la sanità più prossima ai cittadini e ai territori come questa esperienza ci insegna. Ci auguriamo di trovare apertura mentale e flessibilità ad accogliere la richiesta dell’Abruzzo frutto di un lungo confronto con territorio e con operatori sanitari e socio sanitari nonchè piena e sincera collaborazione tra le istituzioni”.

“Siamo grati per la presenza del Ministro – ha dichiarato a margine della visita l’assessore Verì -L’Abruzzo  ha dimostrato di essere una grande comunità che ha saputo reagire di fronte alla pandemia e di saper utilizzare a pieno i fondi messi a disposizione con una grande capacità’ di resistenza e coesione anche tra istituzioni. Per questo ringrazio il Rettore che ha dato la possibilità di creare un Centro vaccinale nel Campus Universitario attraverso una convenzione con la Asl”.

Quaresimale, hub Teramo centrale per campagna vaccinale Abruzzo

 “La nascita del nuovo hub vaccinale inaugurato oggi a Teramo può rappresentare la svolta decisiva sull’andamento della campagna vaccinale regionale”. E’ quanto ha affermato l’assessore regionale alle Politiche del Lavoro e dell’Università, Pietro Quaresimale, a margine dell’inaugurazione dell’hub vaccinale negli spazi dell’Università di Teramo. “E’ molto importante – ha aggiunto l’Assessore – che in questo progetto che prevede di incrementare la somministrazione di vaccini sia entrata l’Università degli studi di Teramo, a conferma della centralità dell’ateneo nell’ambito dello sviluppo regionale. Del resto solo qualche settimana fa a conclusione di una mia visita al Rettore dell’Università teramana avevo ribadito, in linea generale, la centralità strategica del mondo universitario regionale nell’azione dello sviluppo tecnologico e di conoscenze dell’Abruzzo che si traduce in un maggior coinvolgimento nelle politiche del governo regionale. L’inaugurazione dell’hub vaccinale conferma questa linea politica, ma soprattutto mette il territorio della provincia di Teramo al centro della campagna vaccinale regionale”. L’hub appena inaugurato servirà tutti i comuni della Provincia di Teramo ed è in grado di somministrare, a regime, oltre 3000 dosi giornaliere. 

La tappa a Giulianova, alla Piccola Opera Charitas

Il sindaco Costantini. “rassicurazioni sulla fine della stagione dei tagli alla sanità e sull’inizio degli investimenti alle strutture di prossimità”

Giulianova – Questa mattina, la visita annunciata del ministro della Salute Roberto Speranza per l’inaugurazione del centro vaccinale dell’Università degli Studi di Teramo, ha fatto tappa a Giulianova, alla Piccola Opera Charitas. Ad accompagnare il ministro all’interno della struttura socio-sanitaria giuliese l’assessore regionale alla Sanità Nicoletta Verì, il vescovo di Teramo-Atri mons. Lorenzo Leuzzi, il sindaco Jwan Costantini ed il presidente della Fondazione Domenico Rega.

 il ministro Roberto Speranza in visita alla Piccola Opera Charitas.

“Oggi è un giorno da ricordare viste le rincuoranti parole del ministro Speranza che ha voluto visitare una delle più importanti strutture socio-sanitarie, cuore pulsante di solidarietà, che abbiamo in provincia di Teramo e tra una delle più colpite dalla seconda ondata del virus – dichiara il primo cittadino – il ministro ci ha rassicurato sulla fine della stagione dei tagli alla Sanità e sull’inizio, invece, di quella degli investimenti sulle strutture di prossimità”.

Guarda anche

AREE INTERNE: QUAGLIARIELLO, FORMARE OPERATORI RADICATI NEL TERRITORIO

PRESIDENTE ‘MAGNA CARTA’ A PRESENTAZIONE HAMU, HUB PER SVILUPPO APPENNINO “Le Regioni del centro Italia …

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

5 × 4 =