domenica , 20 Giugno 2021

Delegazione FAI di Pescara : Giornate FAI di Primavera presso il Parco Naturale Sorgenti del Lavino a Scafa.

Coraggio, orgoglio e generosità. Proprio nel significato più profondo di queste parole è racchiuso lo spirito della 29esima edizione delle Giornate FAI di Primavera in programma sabato 15 e domenica 16 maggio. 

Un’iniziativa che il Fondo per l’Ambiente Italiano ha voluto coraggiosamente e prontamente programmare a metà maggio, affrontando con grande tenacia e una buona dose di audacia le innumerevoli complessità organizzative legate all’emergenza sanitaria, e che solo pochi giorni fa ha avuto la conferma di poter realizzare, in base alle misure contenute nel Decreto Legge del 22 aprile. Tutto questo è stato possibile grazie a un’incontenibile voglia d’Italia, a un’inesauribile fiducia nel Paese e a un lavoro difficile e senza sosta nei mesi in cui l’Italia era ferma a causa dell’emergenza.

È uno sforzo speciale, che si avvicina all’eroismo, e di cui si sono fatti carico con encomiabile entusiasmo e passione civica i volontari di 335 Delegazioni e Gruppi FAI attivi in tutta Italia, vero motore dell’evento nel solco del principio di sussidiarietà regolato dall’articolo 118 della Costituzione, che potranno contare sul supporto di Protezione Civile, Croce Rossa e Arma dei Carabinieri, da anni al nostro fianco in questa manifestazione.

La delegazione FAI di Pescara, per le giornate di primavera, organizza visite guidate presso il Parco Naturale Sorgenti del Lavino a Scafa, sabato 15 e domenica 16 dalle ore 10 alle 18 su solo su prenotazione su giornatefai.it

Il Parco prende il nome dal fiume Lavino, le cui acque sulfuree sono di un meraviglioso colore tra l’azzurro e il turchese. Il fiume nasce dal Vallone di Santo Spirito, la zona settentrionale del massiccio montuoso della Majella e, dopo aver passato Scafa, si va a gettare nelle acque del fiume Pescara. L’intera area acquisisce un’atmosfera surreale grazie alla vegetazione davvero rigogliosa.  

La Delegazione FAI di Pescara, proporrà ai visitatori  delle Giornate FAI di Primavera un itinerario naturalistico che permetterà di scoprire le bellezze di quest’area: le polle sorgive e piccoli laghetti che assumono un colore turchese, verranno illustrati i caratteri geologici, si procederà verso il Mulino costeggiando antiche opere di canalizzazione e durante il tragitto verranno raccontate le caratteristiche della flora e della fauna del parco. Si arriverà quindi all’ex  Mulino Farnese, un  mulino ad acqua impiantato alla fine del 1600 dove saranno illustrate le caratteristiche architettoniche e storico-culturali e mostrato l’ interno dove verrà letto un brano sulle tradizioni legate al luogo. Si ripartirà verso la vecchia centrale idroelettrica, al cui interno si potrà accedere e la cui visita sarà occasione per narrare la storia dello sviluppo industriale dell’area.

Dichiara la Capo Delegazione   FAI Pescara Piera Lisa Di Felice: “Le Sorgenti del Lavino rappresentano un piccolo tesoro naturalistico dell’alto pescarese che vogliamo far conoscere nei suoi segreti storico-paesaggistici e nelle sue peculiarità geologiche e naturalistiche. Le giornate FAI di Primavera rappresentano un importante evento per promuovere il territorio e per creare aggregazione e cultura del paesaggio, vedremo il parco del Lavino sotto una veste nuova, culturale, alla ricerca della storia e delle tradizioni locali. Ci siamo organizzati per accogliere massimo 15 persone per ogni gruppo, nel pieno rispetto delle normative anti-covid, con turni di visita alle ore 10:00, 11:00 e 12:00 e poi il pomeriggio alle 15:00, 16:00, 17:00. La visita avrà una durata di circa 1 ora e 30 minuti. E’ importante partecipare alle escursioni con  scarpe da trekking o antiscivolo. Vi aspettiamo per conoscere insieme il prezioso gioiello naturalistico delle Sorgenti del Lavino e le attività degli uomini che in passato intorno ad esso hanno preso vita.

Guarda anche

Ambiente: al via la conferenza finale del progetto Joint Secap

Pescara – Si terrà domani, mercoledì 16 e giovedì il 17 giugno 2021, attraverso la …

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

quattro + 4 =