domenica , 17 Ottobre 2021

Dopo l’incendio nella Pinetina di Vallevò, a Rocca San Giovanni Consiglio Comunale Straordinario

NUOVO SENSO CIVICO DOPO L’INCENDIO Di AGOSTO CHIEDE ALLA REGIONE ABRUZZO IMPEGNI CONCRETI
Lunedì 20 settembre alle ore 10 presso la Pinetina di Vallevò Consiglio Comunale Straordinario del Comune di Rocca San Giovanni. Interverranno:
Rappresentanti Istituzionali del Governo della Regione Abruzzo;
Mario Pupillo, Presidente della Provincia di Chieti;
Francesco Maria Stoppa, Geologo, Università di Chieti;
Nicola Labbrozzi, Geologo, Presidente Ordine Geologi Abruzzo;
Aurelio Manzi, Botanico, Università di Teramo;
Associazioni del territorio che hanno contribuito alle manutenzioni straordinarie del 10 luglio e del 1° agosto scorsi.

“Dopo l’incendio del 1° agosto 2021 è giunto il momento di far interloquire le istituzioni, gli esperti e i cittadini per stabilire quale concreto programma di interventi può essere messo in atto per il futuro della Pinetina di Vallevò, sia dal punto di vista botanico che da quello geologico.
La pinetina non è solo un polmone verde da restaurare ma soprattutto il risultato dell’enorme lavoro di ingegneria idraulica realizzato nel corso del ‘900 da parte delle Ferrovie dello Stato per consolidare l’intero Piano dei Marchi ed impedire il ripetersi di eventi come l’enorme frana del 1° novembre 1915 che modificò la geomorfologia della costa sottostante. 
La scarsa antropizzazione dell’area dell’epoca impedì che la frana mettesse a rischio abitazioni e persone.
Oggi, come Rigopiano tragicamente insegna, mancando il costante monitoraggio messo in opera dalle FS fino alla dismissione del tracciato, la riattivazione della frana avrebbe conseguenze ben più gravi e impattanti.
Dalla Regione Abruzzo non ci aspettiamo promesse ma impegni concreti per salvaguardare l’intero territorio di Vallevò.”

Guarda anche

Danni nevicate gennaio 2017: contributi per 8,7 mln per le aziende agricole

Attivate procedure per risarcimenti ad aziende agricole abruzzesi L’Aquila, 29 set. – Pubblicato il Decreto …

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

undici − 3 =