martedì , 30 Novembre 2021

Contributi al CEIS di Pescara: Blasioli mutua la proposta di D’Alfonso chiedendo alla Regione Abruzzo di intervenire

Pescara – «Prendendo esempio da altre fondazioni bancarie, come quelle a Milano, con un’intensa attività a sostegno dei più bisognosi, sembra quasi scomparso il bisogno degli ultimi. Da qui la mia richiesta per un’azione speditiva, congruente e proporzionata a sostegno delle attività irrinunciabili che vivono una condizione di affanno demolitivo dal punto di vista finanziario, strutturale e organizzativo.»

Così il Senatore Luciano D’Alfonso con un post sul social blu oggi ha riproposto l’esortazione fatta ieri in una lettera aperta, al presidente della Fondazione PescarAbruzzo, dove chiedeva all’ente di voler degnare di uno “sguardo di attenzione” il CEIS.
Il Centro di Solidarietà “Associazione Gruppo Solidarietà” Onlus di Pescara, è un’associazione di volontariato senza scopo di lucro fondata il 14 gennaio 1981 da Anna Durante,  ispirandosi al modello delle Comunità terapeutiche fondate in Italia da Don Mario Picchi.
Il Consigliere regionale Antonio Blasioli prendendo spunto dalla proposta di D’Alfonso ora rilancia, ribadendo come il CEIS sia una comunità che opera per la collettività, in convenzione con le Asl e i Comuni d’Abruzzo chiederà alla Regione un intervento fattivo, con un impegno delle risorse di 50.000 euro.

IL CEIS

L’Associazione, il cui fondamento nelle azioni che conduce è la centralità della persona, opera da sempre nel recupero dalle dipendenze (droga, dipendenze comportamentali come internet, social network, disturbi alimentari..), in un’ottica di prevenzione, cura, riabilitazione e reinserimento sociale, ma anche nell’ambito del disagio minorile e adulto.
Prezioso il ruolo dei volontari, la cui presenza alimenta lo spirito del CEIS: “essere centrati sulla persona” con rispetto e gratuità, due attenzioni che condividono con gli operatori, chiamati anch’essi ad esprimere nel loro lavoro una particolare sensibilità verso gli utenti, e con la loro opera i volontari contribuiscono ad alimentare lo spirito di famiglia, arricchendo la quotidianità degli ospiti del centro. 

«Oggi più che mai –commenta Blasioli– è necessario che le Istituzioni sostengano, con contributi economici dedicati, realtà territoriali come il Centro di Solidarietà “Associazione Gruppo Solidarietà” Onlus di Pescara che, con le attività che porta avanti da quarant’anni al servizio dei cittadini, mostra e dimostra quanto sia importante e grande l’attenzione per la solidarietà e la prossimità ai più bisognosi e la possibilità di fornire un sostegno psicologico, psicopedagogico o di consulenza per affrontare i nodi critici nei momenti di difficoltà che molte persone possono incontrare durante il percorso della loro vita.»

Blasioli ricorda come Il CEIS di Pescara sia una comunità che opera per la collettività, in convenzione con le Asl e i Comuni di tutto l’Abruzzo, «per garantire lo svolgimento dei servizi con adeguate risorse, domani, in Consiglio regionale, presenterò un emendamento al Progetto di Legge Pdl 225/2021 per concedere, per l’anno 2021, un contributo straordinario di € 50.000 a sostegno delle attività del CEIS – Centro di Solidarietà “Associazione Gruppo di solidarietà” Onlus di Pescara, soprattutto per le difficoltà economiche seguite alla pandemia. 
Mi associo alla richiesta avanzata dal Senatore Luciano D’Alfonso alla Fondazione Pescarabruzzo, ma credo che anche la Regione Abruzzo debba fare la sua parte e, considerando i tempi strettissimi per l’impegno delle risorse, credo che € 50.000 rappresentino un primo e giusto passo.Spero che tutti i componenti del Consiglio regionale aderiranno e approveranno la mia proposta, perché non si può rimanere indifferenti; le istituzioni, il mondo politico e la società civile devono assicurare una maggiore attenzione al mondo delle dipendenze e un sostegno concreto alle realtà delle comunità terapeutiche.» Conclude il consigliere regionale Antonio Blasioli

Guarda anche

IMU Ortona, Di Nardo “agli agricoltori cartelle pazze”

L’esponente del centrodestra ortonese: “Somme non dovute, attenzione prima di pagare” Ortona – “C’è una …

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

15 + 7 =