sabato , 20 Aprile 2024

WWF e SHI lanciano una campagna di Citizen scienze: censire e proteggere anfibi e rettili del territorio

Le segnalazioni, con foto e alcuni semplici dati, possono essere inviate via Facebook o e-mail 

Chieti – Anfibi e Rettili sono in assoluto tra gli animali più minacciati, eppure questa piccola fauna ingiustamente considerata “minore” è preziosa per la biodiversità, indicatori indispensabili per il mantenimento dell’equilibrio degli ecosistemi e arricchisce inoltre il patrimonio naturalistico della regione verde d’Europa. Va dunque tutelata e rispettata. Tutela e rispetto nascono dalla conoscenza e per questo WWF Chieti-Pescara e SHI (Societas Herpetologica Italica) Sezione Abruzzo e Molise lanciano un appello a tutti i cittadini perché segnalino la presenza di questi animali quando hanno la fortuna di incontrarli, inviando il loro report alla pagina Facebook “Sezione Interregionale SHI Abruzzo – Molise” oppure all’indirizzo e-mail: segnalazioni@shiabruzzomolise.it 

È sufficiente una foto, scattata anche col telefonino, e poche semplici informazioni: data e ora dell’avvistamento, condizioni meteo e località (ideali sono le coordinate geografiche, anche queste facilmente ottenibili attraverso una App da scaricare sul telefonino). Si possono aggiungere anche le proprie generalità (nome e cognome) se si vuole essere citati tra gli autori delle segnalazioni nelle future pubblicazioni. È importante ricordare che questi animali (in Abruzzo a oggi sono note 14 specie di Anfibi e 20 di Rettili, tutte protette da una legge regionale) non vanno in alcun modo manipolati, catturati o danneggiati. 

«Il materiale raccolto – spiega Nicoletta Di Francesco, presidente del WWF Chieti-Pescara – sarà utilizzato infatti per la pubblicazione di un “Atlante e Guida degli Anfibi e dei Rettili d’Abruzzo”, che andrà a sostituire, come prezioso strumento di conoscenza e di tutela, gli analoghi atlanti pubblicati una quindicina di anni fa per i quali, visto il tempo trascorso, è più che mai necessario un aggiornamento». 

«In Italia – aggiunge Marco Carafa, coordinatore della sezione SHI Abruzzo e Molise – sono diverse le minacce cui l’erpetofauna è sottoposta: consumo di suolo; cambiamenti climatici; alterazione, frammentazione e distruzione degli habitat; diffusione di funghi patogeni e virus; introduzione di specie aliene e, non ultime, uccisioni intenzionali. Il primo passo per la tutela di queste specie è la conoscenza della loro distribuzione sul territorio, indispensabile per poter progettare future azioni di conservazione». 

L’azione di “Citizen science” che WWF Chieti-Pescara e SHI Abruzzo e Molise lanciano insieme sarà gestita per la fase della raccolta dati da Giulia Gagliardi, socia SHI. Obiettivo primario è quello di saperne di più sulla distribuzione delle varie specie, ma nel contempo si cercherà di far conoscere e apprezzare l’incredibile biodiversità della piccola fauna presente in Abruzzo: chi vorrà avere informazioni in più sugli animali incontrati, eventualmente anche per una loro corretta identificazione, potrà chiederle infatti agli indirizzi indicati. «Cercheremo – conclude Nicoletta Di Francesco – di accontentate tutti, anche come forma di ringraziamento per la preziosa collaborazione. Ricordo che una precedente azione di Citizen science, portata avanti nel 2020 con i gechi, ha avuto un successo enorme, con centinaia di segnalatori, che saranno tutti citati nell’atlante di prossima pubblicazione. Un successo che confidiamo di ripetere anche quest’anno». 

Guarda anche

Tornano le rondini, il WWF ricorda: vietato distruggerne o danneggiarne i nidi

È primavera: rondini, balestrucci e rondoni sono tornati ad allietare i nostri cieliPopolazioni in declino …

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *