mercoledì , 10 Agosto 2022

Strada parco: oggi a Pescara sopralluogo dei consiglieri di opposizione “interventi dannosi per le piante”

Pescara – Questa mattina, a seguito delle sollecitazioni del “Comitato Strada Parco bene comune”, è stato effettuato un sopralluogo da parte di alcuni consiglieri comunali di opposizione sul cantiere della Filovia in corso d’opera sulla Strada Parco. Il presidente della Commissione Controllo e Garanzia, Piero Giampietro, e i consiglieri Stefania Catalano e Mirko Frattarelli presenti sul posto, hanno avuto modo di constatare gli interventi che hanno ritenuto dannosi per la salute delle piante e la loro stabilità, su 80 alberi ad alto fusto a dimora da 25 anni, sulla mezzeria di Via Castellamare Adriatico, che insistono sul primo lotto del cantiere nel tratto compreso tra Le Naiadi e Via Ruggero Settimo.

Presenti al sopralluogo anche il Vice Presidente del comitato Maurizio Biondi, con Marco Ferreri, i quali hanno riferito i contenuti salienti della Relazione resa dall’esperta in Scienze Forestali, Dottoressa Caterina Artese, nella quale viene puntualmente documentato lo stato di potenziale pericolo causato dagli interventi operati.

Da parte dei consiglieri e dei rappresentanti dei cittadini, è stata avanzata la richiesta all’Amministrazione di verifica immediata e puntuale dell’applicazione delle prescrizioni impartite nel merito dal competente Ufficio comunale, con l’invito a non proseguire ulteriormente nelle perniciose lavorazioni programmate.

«Anche in questa occasione, –spiega il presidente dei greenway Ivano Angiolelli– il Comitato Strada Parco Bene Comune ha agito in stretta osservanza del dettato statutario, che si prefigge di perseguire la tutela del patrimonio arboreo e della funzione sociale del corridoio verde, inconciliabili con l’invasivo sistema di trasporto rapido di massa che si pretende di instradare ad ogni costo sul Viale, trascurando le indispensabili condizioni di sicurezza di esercizio. La Strada Parco non è nata con questo fine, come ben documenta la successione temporale degli eventi: la piantumazione delle essenze arboree è stata effettuata venticinque anni fa, la realizzazione delle banchine di fermata con annesso impianto di elettrificazione risale a dodici anni or sono, mentre la tesatura del doppio bifilare aereo è datata maggio 2014. In un Paese normale, gli Organi di rigore e controllo sarebbero intervenuti da un pezzo. È maturo il tempo di rimediare.» Conclude Angiolelli.

Guarda anche

ECOMOB EXPO CITY a Pescara un villaggio della cultura sostenibile, dal 6 all’8 maggio

IN ARRIVO LA QUINTA EDIZIONE DI ECOMOB EXPO CITY un evento diffuso, vista mare. Con 45 …

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

17 − uno =