domenica , 4 Dicembre 2022

Webstrade, nuovo incidente grave alla rotatoria ‘quercia di Moscufo’

Moscufo – Venerdì 18 Novembre, di nuovo in una notte di un fine settimana, un’auto si è ribaltata uscendo fuori strada sulla *rotatoria sulla SS151* di fondovalle Tavo.
«Era prevedibile, previsto dai tecnici ed è successo per la seconda volta in un mese. Dopo il grave incidente del 15 Ottobre scorso, quando si è distrutta un’auto che ha scavalcato la rotatoria, uscendo anch’essa fuori strada di notte, un nuovo incidente grave sulla rotatoria dell’orrore, contestata, della quercia abbattuta.»

A sottolineare quanto avvenuto è l’Architetto Giuseppe Di Giampietro Presidente di Webstrade che lamenta come, nonostante le diffide preventive in fase di costruzione, nonostante le relazioni di tecnici progettisti, ingegneri e architetti, e le relazioni di ambientalisti, forestali e paesaggisti, per cambiare il progetto ANAS della rotatoria sulla SS151 e la via Sardegna, il progetto sia stato realizzato da ANAS senza ascoltare proteste e diffide, tagliando anche una quercia monumentale centenaria.

«Ma l’intervento si conferma un intervento incidentogeno. –commenta Di Giampietro–Oltre ad aver distrutto un bene paesaggistico e ambientale locale, la rotatoria continua a creare, con cadenza mensile incidenti gravi. Forse stiamo aspettado il morto per discutere, rivedere e cambiare un intervento stradale fuori norma e pericoloso? Può un ente che dovrebbe occuparsi di sicurezza stradale, realizzare interventi senza ascoltare il territorio, diventando fonte di insicurezza per utenti della strada e abitanti locali?»

Secondo webstrade la rotataria è fatta male, «fuori norma e senza attenzione al contesto ambientale e funzionale locale. E’ completamente eccentrica rispetto all’asse della fondovalle Tavo e priva dei requisiti geometrici di norma. Nonostante godesse di un bilancio di circa 1,3 milioni di euro per 3 interventi su varie strade statali dell’interno, ANAS ha realizzato un intervento pericoloso, al risparmio, senza ascoltare proteste e proposte di cittadini, tecnici ed ambientalisti locali. Cosa aspetta la Regione, il Prefetto o la stessa azienda ANAS a leggere i documenti e le diffide inviate e a discutere le modifiche dell’opera con cittadini e portatori di interesse ? Cos’altro deve succedere per ascoltare il territorio, rivedere gli errori ed attivare un processo di partecipazione? Forse ANAS è un ente extraterritoriale, che usando soldi pubblici può fare quello che vuole? Speriamo che qualcosa cambi prima che sia troppo tardi.» Conclude Giuseppe Di Giampietro

Guarda anche

Sorpreso dalla Guardia Costiera Giulianova un pescatore abusivo. L’illecito donato in beneficienza

Giulianova – Utilizzava una piccola barca come vera e propria unità da pesca con tanto …

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

diciotto + 16 =

La tua pubblicità su Hg