martedì , 23 Aprile 2024

Via Pantini a Pescara: le opposizioni “l’arteria avrebbe dovuto essere inaugurata a settembre 2022”

Pescara –  «Ci auguriamo che il Comune di Pescara non prenda spunto dall’intitolazione al noto drammaturgo nato a Vasto per trasformare via Pantini nel nuovo dramma messo in scena dall’amministrazione Masci. Su quest’arteria rischia infatti di materializzarsi l’ennesimo pasticcio di una Giunta che sembra molto spesso affetta da un irrefrenabile impulso di modificare in corso d’opera le poche opere pubbliche realizzate, finendo per trasformarle in tristi odissee senza fine. Il fallimento del progetto Viale Marconi è ormai sotto gli occhi di tutti, ma i ritardi con cui la bretella di via Pantini verrà riconsegnata alla città nascondono analoghe criticità.»

Così Il Consigliere Regionale Pd Antonio Blasioli insieme ai Gruppi Consiliari Pd, Sclocco Sindaco, Città Aperta del Comune di Pescara che questa mattina hanno tenuto una conferenza stampa proprio  all’incrocio tra via Pantini e via Antonelli dove come hanno ricordato era inizialmente prevista una rotatoria, allo scopo di regolarizzare il traffico proveniente da tutte le direzioni: da sud, da via Pantini e da via Silone, la stradina che conduce in via Scarfoglio, dove è ubicato l’Istituto Comprensivo 6.

«Tuttavia, a seguito di svariate note stampa e continui ripensamenti del progetto, lo scorso 7 dicembre è stata approvata una variante molto consistente che l’ha di fatto soppressa. O meglio, –sottolineano le opposizioni– apprendiamo della sua eliminazione dai comunicati stampa della Giunta e di alcuni consiglieri di maggioranza, perché in realtà nella determina n. 2420 di approvazione della perizia di variante non si minimamente cenno all’eliminazione della rotatoria tra gli interventi oggetto della stessa, che interessano invece specificamente i sottoservizi, fresature stradali e decespugliamento. Lavori ingenti, rilevanti soprattutto sotto l’aspetto economico, per i quali si rendeva necessario recuperare la somma di 513.000 euro. A quel punto, la rotatoria è magicamente sparita dalla cartografia allegata alla Determina di variante, nonostante la modifica non sia stata inserita né in Determina né nella relazione del Rup, l’Arch. Trisi, che l’ha richiesta. Un modus operandi che suona piuttosto familiare, in quanto è stato largamente adoperato in merito ad altri cantieri, uno su tutti, viale Marconi, come abbiamo più volte denunciato.»

Giunta e Consiglieri hanno motivato la modifica in corsa con la volontà di salvare i 10 alberi che insistono nel tratto in cui era prevista la rotatoria, «dichiarazioni però che cozzano con la realtà di tutti i giorni, –affermano i consiglieri di minoranza– quella di una Giunta intenta ad abbattere pini e alberi in tutta la città o a cementificare parchi cittadini; la ragione della scelta va ricercata più realisticamente nell’esaurimento dei fondi, che oltretutto potrebbe inficiare il raggiungimento del principale obiettivo dietro la realizzazione della strada, ovvero la riunificazione dei comparti 3, 4 e 5 della Pineta, con la chiusura al traffico di parte di via della Bonifica e di via Antonelli. Infatti, venendo meno la realizzazione della rotatoria, l’amministrazione comunale si troverebbe dinanzi a due scelte:
Tornare indietro sulla chiusura del tratto di via Antonelli che insiste dall’incrocio con Via Pantini fino alla rotatoria di via della Bonifica, dove è situato il cancello d’ingresso alla Riserva e quindi fallire sull’accorpamento del comparto 4 e 5 della Riserva, che è stato da sempre un obiettivo perseguito dal centrosinistra e che la città deve cogliere;
Chiudere al transito via Ignazio Silone, che non potrebbe più raccordarsi con una strada (via Antonelli), eliminata per accorpare i due comparti della Riserva.»

Il risultato di quello che le opposizioni hanno definito un pasticcio è che probabilmente secondo la loro ricostruzione «…anziché modificare il progetto facendo sorgere poco più a sud la rotatoria per salvaguardare i pini e realizzare, anche mediante espropri, una bretella di ricongiungimento con l’attuale tratto di via Silone compreso tra le scuole e il recinto della Riserva, o magari creando in quell’area un nuovo accesso alle scuole -, si sta pensando alla chiusura totale di via Silone, che riveste un ruolo fondamentale sia per l’accesso alle scuole che come parcheggio per il mare. In questo modo si rischia di congestionare ulteriormente via Scarfoglio e via De Cecco, che negli orari di ingresso e uscita dai plessi scolastici sono costantemente bloccate. Senza contare che le auto provenienti dalla nuova via Pantini saranno costrette a raggiungere la rotatoria di via Nazionale Adriatica sud per tornare indietro. E si configura oltretutto un importante sovraccarico su Via Celommi, già gravata da importanti flussi veicolari.
Emerge dunque, ancora una volta, la grande approssimazione nelle scelte politiche e amministrative di questa Giunta, che rischia così di compromettere l’obiettivo primario per cui era stata pensata l’opera, ovvero il riaccorpamento dei comparti 3, 4 e 5 della Riserva, o di costringere i pescaresi ad impelagarsi quotidianamente nel traffico per accompagnare i propri figli a scuola, oltre a bloccare i residenti della Pineta.» 

Nel corso di conferenza stampa, le opposizioni hanno voluto approfondire due aspetti:

1)    Le consuete carenze documentali.

«Com’è possibile eliminare la rotatoria che rende monco il progetto senza che questa eliminazione venga mai citata nella determina n. 2420? Come è possibile che il 7 dicembre 2022 (tre mesi fa), nell’ambito di un lavoro che stando alle dichiarazioni di Foschi avrebbe dovuto essere riconsegnato a settembre 2022, sia stata approvata una variante dall’importo di 513.000 euro su un totale di 974.220 di lavori? Una variante superiore al 50% dell’importo totale, che dunque ribalta il quadro economico inizialmente previsto ed interviene quando a detta di Giunta e Consiglio i lavori sono terminati o “in dirittura d’arrivo”? Fu l’Assessore Mascia, in un articolo del 31 ottobre 2022, ad annunciare che in quella settimana si sarebbero svolti dei lavori sulle reti Telecom, gas e Enel e poi si sarebbe proceduto ad asfaltare e chiudere il cantiere. Effettivamente quei lavori furono eseguiti, ma parte degli interventi per la rete Telecom, stando a quanto riportato nella Determina, sono stati oggetto di variante solo il 7 dicembre 2022. Sarebbe interessante, a questo punto, sapere se siano stati realizzati prima di quella data, relativamente alla parte non inizialmente prevista nel progetto. 

2)    L’altro aspetto invece è di carattere prettamente conservativo e cautelativo. Tutta la recinzione del comparto 5 è divelta o rovinata a terra. Malgrado la strada non sia ancora percorribile, sono stati già rilevati vari episodi di abbandono di buste, gomme e altro materiale che può costituire fonte di innesco per nuovi incendi. Possibile che in attesa di un progetto definitivo che la ripristini, non sia possibile almeno rendere disagevole l’ingresso e l’abbandono di materiali con una recinzione provvisoria? Analogo problema, come segnalato dal Conalpa, investe l’area del comparto 4 di Via Silone. L’incendio dell’agosto 2021 allora non ha insegnato nulla?
Va ricordato, che l’arteria in questione ha già occupato ampiamente le cronache locali per via dell’abbattimento dei pini, avviato dalla Giunta Masci alla chetichella e senza l’autorizzazione prevista dall’Articolo 31 comma 2 della Legge Regionale 3/2014, al punto da determinare una sanzione dei Carabinieri Forestali a danno della ditta, ai sensi dell’Articolo 70 della medesima legge. Proprio per l’errore procedurale del Comune di Pescara si è resa necessaria l’approvazione di due modifiche alla legge, avvenute in Consiglio Regionale prima a novembre 2021 e poi a marzo 2022, al fine di disciplinare l’autorizzazione in sanatoria. Autorizzazione rilasciata, tra l’altro, non solo dopo il pagamento della sanzione, ma anche a seguito dell’attuazione di una misura di compensazione ambientale consistente nella realizzazione di un’area boschiva a valle del cimitero di Colle Madonna, per un importo pari a circa 50.000 euro.  In questi mesi abbiamo assistito a un balletto delle date di riapertura e a fantomatiche ipotesi di parcheggi di scambio nel progetto per l’abbattimento dello svincolo a trombetta. Si sono rivelate false le prime, così come le seconde. Vorremmo sapere dal Sindaco Masci quando i pescaresi potranno usufruire di via Pantini, se e cosa ne sarà di via Ignazio Silone e soprattutto come intende risolvere le innumerevoli criticità che interesseranno le scuole, ma anche chi si reca al mare o alla Pineta.» Concludono il Consigliere Regionale Pd Antonio Blasioli insieme ai Gruppi Consiliari Pd, Sclocco Sindaco, Città Aperta del Comune di Pescara 

Guarda anche

GIRO D’ABRUZZO: A SPOLTORE MODIFICHE ALLA VIABILITA’

Spoltore _ La Città sarà protagonista in occasione della prima tappa del Giro d’Abruzzo Vasto-Pescara, …

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *