lunedì , 17 Giugno 2024

Conferenza dei servizi Rfi, raddoppio ferroviario: sindaco di Manoppello deluso ora prospetta battaglie legali

Il Sindaco De Luca: “Le contestazioni procedurali e progettuali rappresentate dal Comune di Manoppello sono rimaste prive di riscontro, per cui ci vedremo costretti a percorrere tutte le azioni impugnative consentite. Siamo dispiaciuti e delusi”.

Manoppello – “Non c’è stata alcuna apertura oggi a Roma, in conferenza dei servizi; Rfi va avanti sulla sua strada mortificando i territori. Le contestazioni procedurali e progettuali rappresentate dal Comune di Manoppello sono rimaste prive di riscontro, per cui ci vedremo costretti a percorrere tutte le azioni consentite. Siamo dispiaciuti e delusi. L’ipotesi progettuale Variante Interporto, ribadita nuovamente, è rimasta, ancora una volta, inascoltata, come pure le nostre valutazioni sulle soluzioni prospettate da Rfi, a nostro avviso carenti. Tra queste c’è lo studio sulle possibili esondazioni del fiume Pescara che, stando ai tecnici di Rete ferroviaria italiana, non permetterebbe la realizzazione della Variante Interporto”. 

Così il sindaco di Manoppello Giorgio De Luca che ha preso parte alla Conferenza dei Servizi convocata oggi, martedì 9 maggio, a Roma da Rete ferroviaria italiana sul progetto di velocizzazione e potenziamento della tratta ferroviaria Roma-Pescara, alla presenza dell’avvocato Vincenzo Di Baldassarre, legale incaricato dall’ente per ricorrere al Tar avverso il parere favorevole di compatibilità ambientale espresso dalla direzione generale Valutazioni ambientali del ministero dell’Ambiente.

“Nella doppia audizione, alle 11 e alle 14, una per il Lotto 1 e una per il Lotto 2, abbiamo ribadito le posizioni del Comune, fortemente contrario al progetto così come presentato – ha raccontato il primo cittadino di Manoppello  –; riscontriamo che è stato compreso l’errore originario sulla viabilità, tanto che Rfi, si è impegnata, anche su richiesta della Regione, a realizzare un nuovo sottopasso prima di qualsiasi altra opera. Proprio lo stralcio dal progetto della vecchia viabilità, a favore della costruzione di un sottopasso tra via Aldo Moro e via XX Settembre che eviterebbe di dividere lo Scalo, dimostra, infatti, la correttezza di quanto ripetuto dall’inizio della procedura autorizzativa, che mitiga però solo in parte il danno e che non risolve tutti i problemi che abbiamo sollevato. Questo atteggiamento di chiusura ci costringe, pertanto, ad assumere decisioni che non potranno che essere quelle delle battaglie legali”.

Guarda anche

Giornata mondiale della bicicletta: a Giulianova la Città risponde all’appello Fiab

Giulianova – «Questa amministrazione ha sempre puntato sulla mobilità sostenibile e conta di continuare a …

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *