giovedì , 29 Febbraio 2024
Antonio Blasioli

Stato di agitazione personale Tua: Blasioli: «scelte errate si ripercuotono sui dipendenti»

Pescara – Questa mattina il Consigliere regionale del Partito Democratico Antonio Blasioli si è recato presso la sede Tua di Pescara per manifestare sostegno e solidarietà ai dipendenti della Società Unica Abruzzese di Trasporto, i quali, supportati dalle varie sigle sindacali, hanno dato vita ad un presidio dopo mesi di trattative con la dirigenza aziendale, culminati nella richiesta di attivazione del tavolo di conciliazione e raffreddamento.

«Le rivendicazioni dei lavoratori toccano vari aspetti e vanno dal lento e progressivo deterioramento della qualità del servizio offerto –spiega Blasioli– rintracciabile nel costante sovraffollamento dei mezzi, nella circolazione su strade dissestate e pericolose, per non parlare dell’assenza di misure contro l’evasione tariffaria, a problemi di ordine organizzativo e contrattuale, come l’ormai cronica carenza di personale, che si traduce in turni massacranti e fuori norma che impediscono ad esempio agli autisti persino di ricorrere ai servizi igienici per le ordinarie esigenze fisiologiche. A ciò si aggiungono i tempi di percorrenza inadeguati e soprattutto il mancato adeguamento delle indennità all’attuale indice di inflazione.»

«Il leitmotiv dell’azienda è sempre lo stesso» commenta il Consigliere Dem «aumentare le ore e i carichi di lavoro per far fronte ai buchi di bilancio tagliando i costi del personale. Noi appoggiamo in toto la lotta dei lavoratori, perché non è giusto che a pagare le scelte errate di Regione e Governance di Tua siano sempre e solo i dipendenti, con le conseguenze che tutti percepiamo servendoci quotidianamente dei mezzi di trasporto.
Speriamo che dall’11 marzo si possa cambiare questo modo di governare la Regione e il trasporto pubblico.» Conclude Blasioli

Guarda anche

Autonomia differenziata, Berardinetti (Pd): aree interne penalizzate da questa norma

Avezzano – L’Italia rischia di essere tagliata a metà”. Questo il tema dell’incontro sull’autonomia differenziata …

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *