sabato , 20 Luglio 2024

Nuovi tagli di alberi a Pescara: RADICI in comune “appena vinte le elezioni, scatenatevi!”

PESCARA – Il turno elettorale si è concluso da appena due giorni e, già da ieri, martedì 12 maggio, i tagli al patrimonio forestale urbano sono ripartiti a spron battuto.
Le segnalazioni della cittadinanza sono cominciate ad arrivare dal primo mattino: via Mezzanotte e Piazza Salvo D’Acquisto in zona Porta Nuova, via Passolanciano, il grande parcheggio delle Poste e del palazzone anni ’70 con gli uffici della Provincia, Regione e della Scuola Mibe, e il parco di Piazza Santa Caterina, in centro a Pescara.

I coordinatori della lista civica “RADICI in comune” hanno espresso il loro sconcerto per la situazione: “Fondamentale ricordare che in questo periodo i tagli e le potature delle alberature sono vietati dalla Legge 157/1992 e dalla Direttiva Europea 2009/147/CE per preservare le nidificazioni degli uccelli. Dopo il grande sforzo elettorale, siamo rimasti basiti da questa azione che sembra coordinata su tutta la città e che ha un amaro sapore di rivalsa.”

Da RADICI in comune l’invito ai cittadini a vigilare e segnalare tempestivamente ogni cantiere (anche di tagli e potature) i coordinatori spiegano che questi per legge devono avere: autorizzazione per l’abbattimento e/o potatura, relazione agronomica, una recinzione di cantiere adeguata con permessi in regola. “Con quale motivazione, ci si chiede, il 12 maggio sono iniziati i tagli al patrimonio arboreo cittadino? Quale urgenza non ha permesso neanche l’insediamento del nuovo Consiglio Comunale prima dei tagli? Quando il Comune sarà disposto ad accogliere l’annosa richiesta di un tavolo verde che possa vagliare l’effettiva necessità di ogni abbattimento? Perdere oggi anche solo dieci alberi (ma alla fine saranno di più in questi soli due giorni) è un danno gravissimo per una città ormai invasa dal cemento. Quando ce ne accorgeremo sarà tardi. Intanto, sorridono gli operatori addetti al taglio, che così lavorano, e forse ridono ancora di più perché così guadagnano contravvenendo, insieme al Comune, alle norme vigenti in materia di appalti verdi, coloro che utilizzeranno il legname della mattanza come biomassa per finalità energetiche, godendo anche degli incentivi statali per l’utilizzo di fonti rinnovabili!”

RADICI in comune sottolinea infine come i tagli influiscano negativamente sulla fauna, l’avifauna in particolare, che ha perso la propria casa e danneggino anche la catena alimentare fatta di insetti che alimentano la loro sopravvivenza; “ma soffrirà anche la città che vedrà la temperatura al suolo aumentare, con incrementi di fenomeni di isole di calore, salire l’inquinamento atmosferico per mancanza di barriere filtro e scendere la produzione di ossigeno. È questa la città che vogliono i pescaresi?” Concludono i coordinatori di RADICI in comune.

Guarda anche

Masci sarà a Porto per l’Intelligent cities challenge

Il Sindaco, sarà in Portogallo per parlare dell’esempio “Pescara” per i Local Green Deal Pescara …

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *