domenica , 28 maggio 2017
Home » Culture » Turismo » Pescara, ruota panoramica: Kechoud e Padovano  “Non si comprende il perché dell’accanimento verso un’attrazione vera”

Pescara, ruota panoramica: Kechoud e Padovano  “Non si comprende il perché dell’accanimento verso un’attrazione vera”

 
Pescara -“Assume i connotati dell’ossessione l’accanimento di qualcuno nei confronti della ruota panoramica, un’attrazione posta in un’area bonificata dalla nostra Amministrazione e dalla Regione e che oggi al posto di essere luogo di degrado e abbandono com’è stato per tanti anni, genera un valore aggiunto, candidandosi ad essere un’area strategica per il futuro sviluppo della zona” . E’ quanto affermano in una nota i  consiglieri comunali di Pescara Leila Kechoud e Riccardo Padovano.

La ruota spiegano i due consiglieri, è stata sottoposta a qualsiasi tipo di verifica burocratica e a tutte le autorizzazioni del caso. Prima dello scadere delle autorizzazioni, la Giunta, in data 27 dicembre 2016, ha deliberato l’indirizzo di mantenere un’attrazione simile, dando mandato ai dirigenti di predisporre un apposito bando pubblico per individuare i soggetti interessati.

“Una delibera chiara che, nella totale trasparenza, certifica il buon operato dell’Amministrazione. Questo perché crediamo fermamente –commentano Kechoud e Padovano– che, scaduto il tempo della temporaneità dell’attrazione, sia stato giusto indirizzare gli uffici verso le procedure di evidenza pubblica che, da quanto annunciato dai dirigenti stessi durante la seduta odierna della Commissione di Vigilanza, dovrebbero essere pubblicate nei prossimi giorni.

Non capiamo l’opposizione a prescindere contro la ruota e altre strutture ed eventi capaci di rendere la città attrattiva come non lo è stata in passato. E non ricordiamo, negli anni in cui non eravamo classe dirigente, l’applicazione delle procedure rivendicate oggi ad attrazioni pure evidenti sulle pubbliche piazze cittadine”. 

 

 

Guarda anche

Spoltore, Febo: “Mai più discariche, inceneritori o compattatori a Spoltore e subito la bonifica dell’ecomostro pubblico di Collecese”

Spoltore - “In campagna elettorale si sentono dire le più fantasiose falsità, a cui noi rispondiamo con il nostro programma di governo, trasparente e accessibile a tutti sul sito Primaveracittadina.it”.  Così Marina Febo, candidata a sindaco di Spoltore alla guida di cinque liste civiche, spiega come il suo programma sia votato al rispetto della comunità e alla cura del territorio, perché Spoltore merita di più. “Per cinque anni, durante la mia seria opposizione in consiglio comunale, abbiamo cercato di far emergere un sistema fatto di rapporti opachi con alcune imprese, che hanno goduto di privilegi a discapito del resto della cittadinanza e delle aziende che pagano le tasse”.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

cinque × 3 =