lunedì , 26 Settembre 2022

Comunità educativa per minori, al via il bando di gara

C’è tempo fino al 24 luglio per partecipare alla

gara, annunciano il presidente Guerino Testa e l’assessore alle Politiche sociali Valter Cozzi che

hanno organizzato per domani, 3 luglio, alle ore 11, un incontro con i rappresentanti dei Comuni e

degli enti d’ambito sociale del pescarese al fine di concordare i termini dell’accordo di programma

per avvalersi dei servizi di questa struttura alle condizioni di particolare favore previste dal

capitolato di gara.

La comunità educativa, spiegano i due amministratori, si pone come punto di riferimento per le

amministrazioni civiche e quindi anche per le comunità, ai quali intende assicurare un servizio

sociale di alto profilo, rispondendo al bisogno di assistenza e accoglienza ai ragazzi di età compresa

tra i 2 e 17 anni a seguito di provvedimenti dell’autorità giudiziaria minorile e ordinaria, i cui

rilevanti costi sono ad integrale carico dei Comuni. I posti a disposizione sono 12.

La concessione, in base a quanto riportato nel bando e salvo migliorie in gara, durerà al massimo

venti anni (più una eventuale proroga di tre anni) ed è prevista la corresponsione alla Provincia

di un canone minimo di 15mila euro con l’accollo da parte del concessionario di tutte le spese di

adeguamento strutturale dell’edificio, delle spese di allestimento e di accreditamento regionale,

delle forniture di utenze e arredi nonché delle spese di manutenzione ordinaria e straordinaria.

Aspetto qualificante ed innovativo sarà che il soggetto gestore si dovrà occupare anche di

supportare la Provincia nel coordinamento della gestione dei servizi per la prevenzione e il

contrasto del disagio familiare, della promozione della tutela dei diritti dei minori e dello sviluppo

dell’affido familiare, che sul territorio sono di competenza dei Comuni, attività che la Provincia

gestirà in base ad apposito accordo di programma.

Per i Comuni che aderiranno a tale accordo i servizi offerti da questa struttura (in regime

residenziale o semiresidenziale) saranno erogati con l’applicazione di una retta agevolata, con

consistenti risparmi per le casse comunali.

“Con questa gara pensiamo di attivare – dicono Testa e Cozzi – un modello innovativo di

gestione rispetto agli standard di analoghe esperienze nazionali, considerato che pensiamo ad

una condivisione delle politiche di contrasto al disagio minorile attraverso la concertazione con

i Comuni sia sulla articolazione dei servizi territoriali che sui metodi gestionali da applicare.

Crediamo infatti che il ricovero in comunità debba avvenire solo quando si manifestano condizioni

di emergenza e che la vera scommessa da vincere per garantire la vera tutela del minore contro

il disagio familiare sia quella del ricorso all’istituto dell’affidamento familiare, con politiche

promozionali concertate con i Comuni.
Crediamo inoltre che questa esperienza possa costituire

la prima occasione per attuare la riforma in atto sul ruolo delle Province, nella parte in cui lascia

all’autonoma determinazione di Provincia e Comuni l’organizzazione e la gestione di servizi di

mutuo interesse con la caratteristica di area vasta, che speriamo la Regione vorrà sostenere con

specifica normativa”.

Il bando è on line sul sito internet della Provincia (www.provincia.pescara.it).

Guarda anche

Nasce la “Rete Libera Tutte” a sostegno delle donne vittime di violenza 

Siglato l’accordo di collaborazione tra associazioni e organizzazioni dell’area Chieti-Pescara Migliorare il livello di autonomia …

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

quindici + 19 =