mercoledì , 11 dicembre 2019
Home » Focus » Cronaca » Studenti universitari sorpresi con marijuana: un arresto e una denuncia

Studenti universitari sorpresi con marijuana: un arresto e una denuncia

Il primo, che studia a Chieti, è stato poi arrestato con l’accusa

di detenzione a fini di spaccio di sostanze stupefacenti e, su disposizione

dell’Autorità giudiziaria., posto agli arresti domiciliari.
Nella sua abitazione i militari

hanno recuperato altri 250 grammi di marijuana, due bilancini di

precisione, materiale per il confezionamento in dosi e la somma contante

di 1200 euro, in banconote di piccolo taglio.
L’altro, occasionalmente

nella zona, è stato invece denunciato in stato di libertà.
Gli uomini

dell’Arma stavano svolgendo dei controlli straordinari in occasione della

“notte bianca” e degli eventi scalini in programma a Chieti Scalo, quando

hanno notato i due giovani confabulare tra di loro.
Fermati per un

normale controllo sono stati trovati in possesso dello stupefacente. E’

scattata dunque la perquisizione domiciliare presso l’abitazione del

23enne, domiciliato a Chieti, che ha permesso di recuperare l’altro

quantitativo di marijuana che era stato nascosto sotto alcuni libri, in uno

zaino riposto nell’armadio della camera da letto.
Sempre nell’armadio

erano custoditi anche i bilancini di precisione, le bustine di cellophane

vuote, alcune delle quali con residui di marijuana, e la somma contante di

denaro probabilmente provento della vendita delle dosi.
Nello zaino

dell’altro studente, ospite anche lui a casa dell’amico, i Carabinieri hanno

recuperato altri 50 grammi di marijuana che lo stesso aveva

verosimilmente acquistato dall’amico.
Per lui è dunque scattata la

denuncia in stato di libertà con la medesima accusa.

Guarda anche

Manifestazione al ferro di cavallo: Pettinari “evento storico, i cittadini ci hanno messo la faccia. Le istituzioni ora trovino soluzioni”

Pescara -Tanti cittadini si sono dati appuntamento questa mattina, al Ferro di Cavallo, per la manifestazione organizzata dal Vice presidente del Consiglio regionale Domenico Pettinari contro la criminalità, e per mostrare tutta la vicinanza possibile alla donna alla quale, dopo i suoi racconti sugli atti criminosi che vengono continuamente compiuti nel quartiere pescarese, è stata incendiata l'automobile come atto intimidatorio. Presenti anche molti Portavoce del MoVimento 5 Stelle, di ogni ordine e grado.  

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

diciotto − quattordici =