martedì , 11 agosto 2020
Home » Focus » Cronaca » Nel Chietino 5 denunce per truffa e ricettazione

Nel Chietino 5 denunce per truffa e ricettazione

Sulle principali arterie stradali vengono attuati articolati posti di controllo

nei punti nevralgici per verificare il rispetto delle norme del codice

della strada da parte di automobilisti e motociclisti. L’attività svolta

dagli uomini dell’Arma interessa anche le persone sottoposte a misure

cautelari alternative alla detenzione ed a misure di prevenzione personali

di Pubblica Sicurezza.
Controlli vengono svolti quotidianamente nei loro

confronti per verificare l’osservanza delle prescrizioni imposte agli stessi.

In tale contesto operativo sono state denunciate cinque persone per

i reati di truffa e ricettazione. I Carabinieri del Nucleo Operativo e

Radiomobile della Compagnia di Lanciano, ieri pomeriggio, hanno

denunciato con l’accusa di ricettazione un 26enne della zona che, fermato

per un controllo mentre era alla guida della sua auto, è stato trovato in

possesso di un PC portatile risultato rubato, all’inizio del mese, in un bar

di Pizzoferrato.

Sempre a Lanciano i militari dell’Arma hanno denunciato, con l’accusa

di furto, un rumeno di 22 anni che, all’interno del centro commerciale

“Leclerc”, aveva rubato una play station 3 e due cartucce giochi per un

valore di 450 euro.

A Cupello i Carabinieri della locale Stazione hanno invece denunciato

un italiano di 21 anni ed un rumeno di 25 anni, entrambi noti alle forze

dell’ordine, poiché fermati mentre erano in sella ad un motociclo da

cross, privo di targa, risultato rubato, a fine Ottobre, ad un giovane della

zona. Gli accertamenti svolti sul conto dei due hanno inoltre permesso di

scoprire che il 25enne aveva l’obbligo di dimora nel Comune di San Salvo.

Quest’ultimo quindi, oltre a rispondere del reato di ricettazione come il

suo compagno, dovrà rispondere del reato di inosservanza dell’obbligo di

dimora.

A Chieti, i Carabinieri dello Scalo hanno denunciato, con le accuse di

truffa e indebito utilizzo di carte di pagamento, un 26enne della zona che,

utilizzando una carta bancomat smarrita da una 69enne del posto, aveva

effettuato tre prelievi di denaro per un importo complessivo di 650 euro.

I Carabinieri della Stazione di Chieti, su disposizione dell’Ufficio Esecuzioni

Penali della Procura della Repubblica presso il Tribunale di Chieti hanno

eseguito un ordine di carcerazione nei confronti di un 48enne del luogo

che dovrà espiare la condanna a due anni, cinque mesi e dieci giorni di

reclusione per il reato di furto aggravato commesso nel Luglio 2010 a

San Giovanni Teatino. L’uomo è stato associato alla casa circondariale di

Chieti.

Guarda anche

Montesilvano, rubano rotoli di carta assorbente ma vengono arrestati dai carabinieri

Montesilvano – La notte scorsa quando era già trascorsa abbondantemente l’una, una gazzella del reparto …

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

7 + 6 =