lunedì , 26 Settembre 2022

Protesta di Andrea D’Emilio, dopo l’arresto della Polizia Provinciale di Pescara le considerazioni di Di Marco

“Conosco Andrea e so che è un giovane pacifico e che la sua è una protesta fatta a fin

di bene.
Ma ci sono, evidentemente, dei limiti che non si possono travalicare.

Opporre resistenza ad un Pubblico Ufficiale è uno di questi. Andrea si è opposto

anche con una certa determinazione al comandante Honorati che cercava di tagliare la

catena, costringendolo a bloccarlo con le manette.
Per questo si è reso responsabile di

resistenza a pubblico ufficiale (art.337 del Codice Penale). Oggi Andrea, benché

riconosciuto responsabile di questo reato , è stato rimesso in libertà ed io mi auguro

che fino al 17 giugno, data dell’udienza, non sorgano altri motivi di contrasto.

Confido nella sua buona fede e mi auguro che questo episodio rimanga l’unico a

dover essere stigmatizzato a causa della sua intemperanza”.

Guarda anche

Nasce la “Rete Libera Tutte” a sostegno delle donne vittime di violenza 

Siglato l’accordo di collaborazione tra associazioni e organizzazioni dell’area Chieti-Pescara Migliorare il livello di autonomia …

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

diciassette − 13 =