giovedì , 9 Dicembre 2021

Il Maestro Gino Berardi espone a Pineto: il mio percorso dall’impressionismo all’informale

Il suo percorso artistico, affascinante e ricco di sfumature espressive, si snoda con un costante

riferimento alle principali correnti pittoriche ed ai più significativi movimenti dell’arte moderna e

contemporanea.

Egli parte sicuramente da una appartenenza ad alcune componenti dell’impressionismo e

successivamente sviluppa il proprio progetto stilistico in opere di grande pregio estetico all’interno

dei canoni dell’arte astratta, fino ad approdare a spazi figurativi, a istanze espressionistiche e

giungere all’arteinformale con riferimenti netti sia al dripping di Jackson Pollock che alla pittura

materica.

A differenza dell’Artista americano, però, Gino preferisce addensare il colore sulla tela fino a fargli

assumere peso, quantità, spessore, , tali da raggiungere una consistenza tangibile e corporea,

ottenendo una visione dinamica del cromatismo che, molto probabilmente, rappresenta l’emergere

delle umane pulsioni o il magma dell’inconscio.

Le ricche esperienze vissute dall’Artista fuori dall’Italia con la curiosità di chi, non solo ama

viaggiare, ma vuole scoprire, indagare, conoscere per reinventare, lo hanno spinto a ricercare una

progettualità estetica sempre nuova, quasi nomade, caratterizzata da una poetica del colore che non

trascende dalla rappresentazione, anzi, spesso la rielabora con una energia psichica ed una

freschezza di ampio respiro.

Avviene così il graduale abbandono del suo realismo postimpressionista, basato su un naturalismo

figurativo e di maniera, e l’inizio di un percorso che lo porterà ad orientarsi verso modi di

esprimersi tra l’astratto e l’informale.

La svolta artistica, le cui fondamenta sono costituite da ragioni di cambiamento accumulatesi negli

anni della sua lunga e gratificante carriera, dalla grande maturità raggiunta, dal desiderio di

svincolarsi dai condizionamenti ripetitivi della tradizione, ha proiettato la mente di Gino BERARDI

in un mondo di prospettive di espansione d’arte illimitato e aperto a tutte le suggestioni

dell’inconscio.

Riaffiorano, così, nell’animo dell’Artista i colori della memoria e i sogni introiettati durante

l’adolescenza e la prima giovinezza che lo portano a suggerire creazioni nuove spingendolo verso

la linea di demarcazione dell’informale.

In questo senso l’Artista Gino è un instancabile viandante alla continua ricerca di armonia, di

quell’armonia poetica dell’esistere, sia individuale che collettivo, che rappresenta l’unica speranza

di una tenue, dolce, felicità.

Ecco, in breve, le linee guida della mostra, curata dallo storico dell’arte Valeria FATATO, con

l’intervento straordinario dell’attrice Franca MINNUCCI, che sarà aperta dalle 10 alle 12,30 e dalle

18 alle 23 dal 26 luglio al primo agosto a villa Filiani di PINETO in una atmosfera di “astrattismo

informale” che non prescinde o falsifica la realtà, ma che rende possibile la considerazione della

forma staccata dalle sue componenti e che con questo, quindi, consente di vivere l’atto della

“conoscenza”.

Guarda anche

Orsogna, il duo Ianieri/Di Mauro in concerto all’Areté

Domani, 4 dicembre, l’attesissimo live del duo presso il Bar Perlage del centro culturale polifunzionale …

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

due × due =