sabato , 4 luglio 2020
Home » Focus » Ambiente » Cigaway siglata l’intesa che punta alla riduzione sul suolo delle cicche di sigarette e mini rifiuti

Cigaway siglata l’intesa che punta alla riduzione sul suolo delle cicche di sigarette e mini rifiuti

Pescara –Ogni anno in Italia vengono immesse nell’ambiente circa 51 miliardi di cicche di sigarette. In Abruzzo si possono quantificare nell’ordine del miliardo. Si tratta di un rifiuto da fumo che ha tempi lunghissima di biodegradabilità.
Una problematica che la Regione, impegnata nel perseguimento di politiche ambientali finalizzate alla realizzazione di una gestione integrata dei rifiuti ed alla promozione di buone pratiche ambientali, intende affrontare in concreto.

E’ la logica del Protocollo d’Intesa sottoscritto, questa mattina, a Pescara, da Regione Abruzzo, rappresentata dal Sottosegretario con delega all’Ambiente, Mario Mazzocca, da ANCI Abruzzo, attraverso il direttore Massimo Luciani, e dalla società Globalgreen Pubblicità che ha proposto il progetto denominato “CIGAWAY”. Si tratta di una iniziativa sperimentale finalizzata alla riduzione della produzione e riciclo dei rifiuti urbani e, in particolare, volta a contrastare il fenomeno dell’abbandono nell’ambiente di rifiuti di prodotti da fumo e di altri rifiuti di piccolissime dimensioni (scontrini, fazzoletti di carta, come da masticare).
Un progetto pilota che fa leva sulla collaborazione tra Serizio Rifiuti della Regione Abruzzo, Anci, singoli enti locali, Consorzi intercomunali di rifiuti, associazioni ambientaliste e dei consumatori, operatori economici e loro associazioni.
Il progetto “CIGAWAY” nasce da una innovativa idea della Globalgreen Pubblicità con il duplice scopo di mantenere l’ambiente pulito e di educare i cittadini al rispetto per l’ecosistema, attraverso campagne di sensibilizzazione dei cittadini e l’utilizzo di uno specifico contenitore.

Guarda anche

Buone pratiche: In 9 punti le proposte del WWF ai candidati sindaco di Chieti

Chieti Tra pochi mesi i cittadini di Chieti saranno chiamati a scegliere la nuova amministrazione …

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

1 × 3 =