venerdì , 25 Settembre 2020

Sabato 27 maggio, evento “A Pescara la libertà conta”. In occasione della giornata antifascista e la Festa dei Parchi

Sabato 27 maggio dalle ore 16,30 presso il parco Villa De Riseis, in occasione della giornata antifascista, il Comune di Pescara organizza insieme all’ANPI, all’Arci e all’Arci Gay di Pescara una giornata pacifica di riflessione e di intrattenimento legata ai diritti e parte integrante delle iniziative della Festa dei Parchi che si celebrerà in 15 aree verdi cittadine. Si tratta di un evento voluto dall’Amministrazione, condiviso con le citate associazioni promotrici, a fronte delle aggressioni a sfondo omofobo e fascista subite nei giorni scorsi da tre giovani in città. L’evento intende manifestare piena solidarietà e vicinanza alle vittime di questi fatti e promuovere una pubblica sensibilizzazione affinché non si ripetano.

Alla manifestazione aderiscono diverse associazioni, sigle sindacali e partiti che stamane hanno presentato con il sindaco, l’assessore Giovanni Di Iacovo e la consigliera Daniela Santroni intenti e iniziative. Oltre ad ANPI, Arci e Arci Gay di Pescara hanno finora aderito: CGIL Pescara, Sinistra Italiana, Rifondazione Comunista, il PD, Articolo 1, il Fronte Sovranista Italiano, Italia Nostra, i sindacati di base Cobas e Usb, le associazioni Soha, Collettivo Studentesco di Pescara, 360 gradi, Italia Nostra, On the Road, Artisti per il Matta.

 

“Da parte delle forze dell’ordine c’è l’assicurazione che presto i responsabili delle aggressioni saranno individuati – ha fatto sapere il sindaco Marco Alessandrini reduce dalla riunione di oggi in Prefettura che ha avuto all’ordine del giorno anche questo argomento – Se la repressione è importante la prevenzione lo è di più. Noi restiamo un popolo serrato intorno ad un momunmento che si chiama resistenza, che ci ispira dei valori come la civile convivenza, la tutela dei diritti e della libertà. A me non piace una città dove si pestano le persone inneggiando al fascismo, né che riporti atmosfere degli anni 70, stagione di forte contrapposizione ideologica che ha visto molti ragazzi pagare anche con la vita le proprie idee. Di questo non abbiamo bisogno, abbiamo bisogno di essere inclusivi, di abbracciare e di dare esempi positivi di accoglienza. Sabato lo faremo con il linguaggio semplice e universale della musica e della poesia. Siamo uniti da questi intenti e tutti sono invitati a Villa De Riseis per passare un pomeriggio di allegria e riflessione”.

“Siamo al fianco dell’ANPI per la giornata antifascista che si celebra in tutta Italia – ha aggiunto l’assessore Giovanni Di Iacovo – Pescara è una città moderna, aperta, libera e inclusiva, in cui tutti devono sentirsi parte della comunità. In nessun modo possiamo tollerare la violenza, specie quella a sfondo omofobo, fascista e razzista. Questa è una società in cui, rispettando le regole, ognuno può essere quello che vuole e far parte di questa grande comunità che è Pescara. Ogni tipo di violenza oltre a colpire i diritti delle persone, ingenera paura e la creazione di un immaginario che ti costringe a stare attento a come ti vesti, che zone frequenti, altrimenti puoi finire al Pronto Soccorso. Non può essere così, con civiltà dobbiamo garantire sicurezza a chi frequenta la città e a chi la vive”.

“Non c’è alcuna relazione fra questo tipo di fenomeni e la movida – ha chiarito Daniela Santroni – Chi cerca di abbinare le cose lo fa per non affrontare un problema che ha connotati diversi. Per questo il sindaco ha chiesto una discussione ad hoc al tavolo della sicurezza, perché non è una questione di pubblica sicurezza delle notti pescaresi. Parliamo di razzismo, omofobia, espressioni fasciste che iniziano a serpeggiare anche in una città come la nostra. Sono contenta che il sindaco abbia chiamato subito ANPI, Arci e Arci Gay per prendere le distanze da questi fenomeni, perché non hanno nulla a che fare con la cultura di cui siamo portatori e della storia della nostra città”.

“La giornata antifascista vede oltre 100 eventi in Italia, Pescara avrà questo momento di riflessione – hanno aggiunto Luca Prosperi ed Emanuele Mancinelli, presidente provinciale e segretario di sezione dell’ANPI di Pescara – ringraziamo tutte le forze politiche associative e il Comune perché ha subito voluto sostenere la cutlrua dei diritti e partecipare ai fatti accaduti ai ragazzi dell’ARCI. Questi fenomeni possono essere combattuti solo con la cultura: verranno citati Pertini, Rosselli, Calamandrei e altri che hanno vissuto durante il periodo fascista. Sono valori che appartengono a tutta la città invitiamo ad essere con noi sabato e a chiamarsi fuori dalle manifestazioni fasciste rappresentate dalle aggressioni”.

“Come CGIL siamo in campo perché sui valori di democrazia e libertà non possiamo abbassare la guardia appena ci sono i primi segnali di autoritarismo e censura – ha spiegato Emilia Di Nicola, della Cgil Pescara – La sfida sui diritti è lanciata e dobbiamo essere vigili con un’azione culturale che guardi alle nuove generazioni con dei percorsi di vera cittadinanza”.

“E’ un problema che con l’ordine pubblico non ha nulla a che fare – ha aggiunto Daniele Licheri della Sinistra Italiana – tutte le forze politiche che riconoscono la Costituzione come documento di tutti dovrebbero essere all’evento sabato, perché chi alimenta la paura ha trovato il modo di sdoganare il fascismo. Chi soffia sul fuoco dei migranti fa arrivare a Pescara una polemica che crea confusione su un fenomeno che va conosciuto e non può essere ridotto ad essere problema dei problemi”.

“Non sono episodi isolati su Pescara, ora i gruppi di potere puntano ad un imbarbarimento della società – ha detto Walter Rapattoni di Rifondazione Comunista – Sarà sempre peggio se non si danno risposte concrete ai bisogni sociali, perché il diverso, lo straniero, chi ha orientamenti sessuali diversi sarà sempre la causa di tutti i mali. Il razzismo va combattuto con l’apertura al mondo e con la cultura”.

“Un fronte unito dal valore della cultura della libertà e dei diritti”, hanno ribadito anche le associazioni 360 gradi, il Fronte Sovranista, Italia Nostra che aderisce come Europa Nostra e i Cobas e Usb. L’evento prevede un breve intervento introduttivo del sindaco Marco Alessandrini e dei rappresentanti di ANPI e Arci e poi un alternarsi di reading di poesia, teatro e musica fino alle ore 18, a cura della Compagnia dei Guasconi e degli Artisti per il Matta.

In programma letture degli attori e delle attrici:
Orazio di Vito e Andrea Costanzo (Compagnia dei Guasconi)
Monica Ciarcelluti e Elena Mastracci (Artisti per il Matta)
A seguire dopo le 18 interventi del liceo artistico Misticoni
MiBe Wind orchestra – Liceo Musicale diretta dal prof. Leontino Iezzi
spettacolo teatrale degli studenti del MiBe diretto dalla prof. Federica Vicino

Guarda anche

Risultati elettorali in Abruzzo: Antonio Luciani al segretario del PD regionale Fina “di fronte ad una simile disfatta io mi sarei già dimesso “

Alla luce dei risultati elettorali, riceviamo e pubblichiamo per intero le considerazioni del sindaco di …

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

dodici + nove =