venerdì , 3 luglio 2020
Home » Terza pagina » Turismo » Piano Strategico del Turismo 2017, per Lolli ‘rivoluzione copernicana’

Piano Strategico del Turismo 2017, per Lolli ‘rivoluzione copernicana’

Secondo quanto riferito dallo stesso Giovanni Lolli di ritorno dalla Conferenza, “per troppo tempo”, ha detto nel corso del suo intervento” in Italia ci siamo cullati, affidandoci esclusivamente al valore immenso del nostro patrimonio artistico e naturale conosciuto in tutto il mondo e non abbiamo costruito una politica di promozione adeguata mettendo affianco del prodotto che avevamo a disposizione una rete adeguata di servizi ed infrastrutture”.

Secondo il vice presidente abruzzese, il Piano Strategico del Turismo crea una radicale discontinuità con questo atteggiamento del passato: “si inaugura una stagione in cui tutti i protagonisti insieme decidono di rivitalizzare il settore dando una strategia al sistema turistico italiano”. “Lo ha fatto lo Stato coinvolgendo tutti i ministeri interessati giacché il turismo non può essere confinato nell’ambito di un solo settore, ma evidentemente coinvolge ed impegna trasversalmente diversi dicasteri; e lo hanno fatto le Regioni che hanno in questa materia competenze fondamentali affidate loro dalla Costituzione che intendono esercitare in squadra con lo Stato e con la rete dei Comuni, in un’ottica più stringente e più condivisa”.

Secondo il Coordinatore della Commissione Turismo “il Piano può essere considerato il frutto dell’apporto di tutti i protagonisti, in primo luogo degli operatori del settore, dei privati e di coloro che organizzano sul territorio l’offerta turistica e che hanno scelto di muoversi all’altezza della situazione e in modo più ordinato: quindi è proprio il metodo, con cui si è costruito questo piano, la vera ragione del suo successo”. Lolli ha detto che siamo entrati in una fase nuova che spinge sul “brand Italia” e sul “vivere all’italiana”: ovvero su un prodotto che non si fonda più solo sulle grandi città d’arte, ma coinvolge il territorio, i piccoli borghi che, come ha dimostrato il successo dell’anno dei Borghi d’Italia, rappresentano un traino fondamentale.

Lolli: “sono il filo conduttore di un racconto straordinario fatto di uomini, visi, sapori, conoscenze, arte, artigianato e paesaggi: proprio quella che ingiustamente viene definita come “Italia minore” è in realtà la chiave per un’offerta turistica diversa, più diffusa, che consente di capire e far percepire un modello di vita a dimensione umana, proponendo un marketing sempre più fondato sul Life Italian Style, caposaldo di un Piano strategico di cui le Regioni e i Comuni sono protagonisti”

Guarda anche

Spiagge a Pescara: Blasioli  “il Comune abbandona quelle libere, prive di cartelli con le indicazioni anti contagio”

Pescara  – “Niente cartelli, né gestione, né mappatura, più di un’ordinanza regionale chiede ai Comuni …

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

3 × due =