sabato , 26 Settembre 2020

Chieti, presentata la Stagione Teatrale 2018 del Piccolo Teatro dello Scalo VIDEO

“Questo è uno dei pochi privilegi che ho – ha sottolineato il sindaco di Chieti, Umberto Di Primio – che è quello di presentare il programma della stagione del Piccolo Teatro dello Scalo ogni anno immeritatamente, nel senso che non faccio nulla se non avere una datata amicizia con Giancamillo Marrone che mi consente di avere questo privilegio di presentare le attività del Piccolo Teatro dello Scalo, in questo caso si arricchisce di un evento che è quello della collaborazione di questa struttura con il Teatro Marrucino in occasione dei bicentenario. L’evento nuovo è che abbiniamo al canovaccio del Piccolo Teatro la messa in scena de ‘La figlia di Iorio’ che è un poema di D’Annunzio che ha una strana storia che la lega alla nostra città: fu rappresentata per la prima volta al Teatro Marrucino, fu stampata da un tipografo di Chieti e per di più il sindaco di Chieti pro tempore è proprietario del manoscritto originale de ‘La figlia di Iorio’ che è depositato presso le sale del Museo Barbella. Quindi quest’anno, in occasione del bicentenario, per sugellare il rapporto tra il territorio e la città con la costituzione dell’istituzione cittadina del Teatro Marrucino, si sugella la collaborazione con un’associazione che fa Teatro ormai da 32 anni. L’attività in città la fa in una struttura comunale, e questo è un motivo d’orgoglio, che fu concessa l’oro nella prima metà degli anni ’90. C’è questo grande cartellone che ogni anno viene proposto ed ha la caratteristica di non creare clamore inutile, ma di offrire ogni anno un pizzico in più di qualità in una stagione vissuta come esperienza di teatro d’essai che riesce in un piccolo spazio a garantire una grandissima qualità, soprattutto nella prosa, la qualità è diventata di due aspetti: la rete relazionale che riescono ad avere con tutti i teatri minori e portano in giro le loro produzioni, l’altro è quello della straordinaria fidelizzazione, loro riescono ad avere un pubblico fidelizzato che dalle are limitrofe riempie lo spazio del Piccolo Teatro dello Scalo e gli permette di essere sempre un gioiello brillante. Ci sono nomi classici della prosa italiana e sperimentazioni che vengono fatti sulla città, una su tutte quella sulla storia della cartiera che è uno spaccato della storia dell’immediato dopoguerra della nostra città legato alla cartiera Burgo”.

Tredici spettacoli, con nuove produzioni del Piccolo Teatro dello Scalo e dei Teatri appartenenti al circuito dei piccoli spazi teatrali del Mediterraneo “Aderenze teatrali”, andranno in scena nello spazio di via Pescara dal prossimo novembre fino a maggio 2018.

Classici del teatro e nuove produzioni, con attori di spicco del teatro nazionale come Emanuele Salce, serate a tema con la rassegna di drammaturgia italiana contemporanea promossa dal CeNDIC (Centro Nazionale di Drammaturgia Italiana Contemporanea), laboratori di teatro ragazzi e adulti, di canto, dizione e fotografia anche quest’anno arricchiranno l’offerta culturale di una delle realtà culturali più attive sul territorio da oltre 30 anni.

“Al di la del fatto che con Giancamillo per un periodo ci siamo formati insieme perché abbiamo vissuto la stessa realtà parrocchiale – ha ricordato l’assessore alla Cultura del Comune di Chieti, Antonio Viola – mi piace sottolineare alcuni aspetti: questa struttura vive di luce propria, non ha alcun contributo pubblico, vive e si regge sulla bigliettazione dei fedelissimi che seguono gli spettacoli e sui laboratori. Questo è un aspetto da rimarcare perché ci sono delle strutture che ci costano l’ira di Dio, non è per polemizzare, invece questa realtà importantissima ha 32 anni, tanto fa bene alla nostra città e vive autonomamente. Loro con i laboratori e con i gruppi stanno lavorando molto con i giovani. Un altro aspetto importantissimo che costituisce un vanto per la nostra città è che una di loro parteciperanno a Sanremo Giovani, questi sono aspetti che veramente inorgogliscono la nostra città, questa è una delle eccellenze del nostro territorio, quindi non smetterò mai di ringraziare Giancamillo Marrone e tutti i suoi collaboratori. Per quello che ci sarà possibile staremo al fianco di questa realtà che rappresenta una vera eccellenza, poi c’è la collaborazione che si è creata tra il Piccolo Teatro ed il Teatro Marrucino, cosa importante visti gli sforzi che stiamo facendo per portare avanti il Teatro Marrucino, stiamo facendo degli sforzi straordinari per realizzare un bicentenario degno di questo nome, per cui ovviamente questa collaborazione non può che farci paicere”.

“Come sempre cerchiamo di dare al territorio un’ampia offerta di spettacoli, sempre di ottimo livello e di ottima qualità – ha detto Giancamillo Marrone, responsabile artistico del Piccolo Teatro dello Scalo – quest’anno proponiamo nuovamente Salce con uno spettacolo strepitoso ed era un peccato già farlo per una sola replica, l’anno scorso la neve ha comportato una serie di slittamenti che speriamo quest’anno ci sia più amichevole. I laoratori ripartiranno tutti, siamo molto soddisfatti di questo riavvio, c’è molto interesse con i ragazzi e anche con gli adulti, siamo veramente soddisfatti di come si sta ampliando l’attività. Tra i vari spettacoli sono due anni che proponiamo lo spettacolo sulla Shoah in collaborazione con la Prefettura di Chieti e con le scuole e siamo pronti anche quest’anno a riproporre questo spettacolo”.

Cartellone degli spettacoli.

Il 4 novembre 2017 – ore 21.00 e il 5 novembre 2017 – ore 18.00 “Il medico dei pazzi” di Eduardo Scarpetta regia Giancamillo Marrone associazione Compagnia “Piccolo Teatrale dello Scalo”.
L’11 novembre 2017 – ore 21.00 “Mumble, Mumble” di Andrea Pergolari e Emanuele Salce con Emanuele Salce e Paolo Giommarelli Altra Scena Managment – Roma.
Il 25 novembre 2017 – ore 21.00 e il 26 novembre 2017 – ore 18.00 “Il Principe e il Poeta” lavoro teatrale su Ovidio del professor Giuseppe Martocchia con la regia di Pietro Becattini dell’associazione Compagnia “Piccolo Teatrale dello Scalo” – associazione Viaggiatori nel Tempo – Sulmona.
Il 3 dicembre 2017 – ore 18.00 “La Villeggiatura” di Carlo Goldoni con regia di Francesco Martinelli Teatro delle Molliche – Andria – Corato.
Il 16 dicembre 2017 – ore 21.00. Il 17 Dicembre 2017 – ore 18.00 “A Porte chiuse” da J. Paul Sartre testo e adattamento di Ferdinando Smaldone Teatro Rostocco – Acerra.
Il 4 Gennaio 2018 – ore 21.00 e 5 gennaio 2018 – ore 18.00 “Noi… donne sull’orlo di una crisi di nervi” con regia Giancamillo Marrone dell’associazione Compagnia “Piccolo Teatrale dello Scalo”.
Il 27 Gennaio 2018 – ore 18.00 “Shoa – La Lista”, Laboratori Piccolo Teatro dello Scalo.
Il 3 febbraio 2018 – ore 21.00 e 4 febbraio 2018 – ore 18.00 “Io non avevo mai deciso di volare” di Pierpaolo Saraceno con Maria Paola Tedesco Teatro Onirika del Sud – Augusta.
Il 10 febbraio 2018 – ore 21.00. L’11 febbraio 2018 – ore 18.00 “The Amen” di Crescenzo Autieri Teatro Dietro Le Quinte – Caivano.
Il 24 Febbraio 2018 – ore 21.00 e 25 Febbraio 2018 – ore 18.00 “Margot” di Georges Courteline con regia di Andrea Pergolari Teatro Le Sedie – Roma.
Il 5 Maggio 2018 – ore 21.00 e 6 Maggio 2018 – ore 18.00 “Taxi a due piazze ” di R. Coney con regia di Salvatore Mincione Guarino Teatro Cast – Isernia.
Produzioni prossime da calendarizzare “Piccolo Teatro dello Scalo”, “Così è se vi pare” di Luigi Pirandello e “Un assassinio sull’Express” di Giancamillo Marrone da Agatha Christie.

Per maggiori informazioni www.ilcanovaccio.org.

 

Guarda anche

A Caramanico Terme la cultura della montagna si unisce alle arti visive e alla letteratura

Caramanico Terme. La cultura della montagna si unisce alle arti visive e alla letteratura. Accade …

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

2 × due =