lunedì , 27 gennaio 2020
Home » Terza pagina » Cultura » Fara Filiorum Petri e le farchie: l’Abruzzo del fuoco al grido di ‘Sand’Andone!’ > VIDEO

Fara Filiorum Petri e le farchie: l’Abruzzo del fuoco al grido di ‘Sand’Andone!’ > VIDEO

La festa farese nasce dal mito di un miracolo avvenuto ne 1799 quando le truppe francesi oramai giunte alle porte del paese e pronte ad assaltarlo, furono fermate da Sant’Antonio Abate che intimò ai soldati di fermarsi.
Al loro rifiuto il santo trasformò le querce vicine al paese in enormi torce che misero in fuga gli invasori.

Una festa dedicata al santo che vede anche in questa storia del miracolo il fuoco purificatore allontanare il male e che nella tradizione contadina annuncia l’ascesa dell’astro solare necessaria per i futuri raccolti.

Hg news ha seguito per voi la giornata delle farchie, ci siamo persi nelle contrade e qui siamo stati accolti dalla straordinaria ospitalità dei faresi, insieme a loro abbiamo pranzato, ascoltato le litanie lauretane, assistito allo sforzo del trasporto a spalla dei manufatti fino al largo antistante la chiesa di S.Antonio Abate, trattenuto il fiato all’innalzamento di ogni farchia e gioito insieme al popolo al successo di ogni innalzamento seguito dal grido di ‘Sand’Andone!’, infine all’accensione respirato fumo e cenere, scansando scintille e tizzoni in un coro infinito di voci e suoni di tamburi e dubbotte.

Vi proponiamo in video questa intensa giornata, buona visone.

Guarda anche

Vincenzo Pelliccione, l’abruzzese con la valigia di cartone che divenne “Chaplin dell’Italì”

di Daniela Musini Era nato a Rosciolo dei Marsi, un borgo di Magliano dei Marsi …

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

15 − 13 =