giovedì , 13 dicembre 2018
Home » Polis » Città » A Pescara continua la rimozione delle bici abbandonate

A Pescara continua la rimozione delle bici abbandonate

Teodoro: “Rimosse un’altra quindicina di rottami lasciati attaccati ai pali della città”

 

Pescara – Continua l’operazione di controllo e rimozione delle biciclette abbandonate da parte del Nucleo Sicurezza Stradale della Polizia Municipale, coordinata dal comandante Carlo Maggitti e condotta dal maggiore Adamo Agostinone su tutto il territorio cittadino, a partire dal centro.

“Alle biciclette rimosse nelle scorse settimane –commenta l’assessore alla Polizia Municipale Gianni Teodoro–se ne aggiungono altre 15 che i nostri agenti hanno provveduto a prelevare, com’è accaduto per le altre biciclette. Si tratta di un servizio che coadiuva l’azione contro il degrado cittadino e che risolve un problema sia di decoro che di incolumità, perché le biciclette abbandonate per mesi sono brutte da vedere e anche rischiose, in quanto coperte di ruggine o, in molti casi, anche rotte”.

Quelle rimosse si legge nella nota stampa, erano ridotte ai minimi termini, alcune senza ruote, legate ai pali o alle rastrelliere, per mesi e mai spostate e possono essere reclamate al comando.

“Si tratta di un’attività che continueremo –annuncia Teodoro–perché sono davvero tante le bici in brutte condizioni legate e abbandonate ovunque capiti sul territorio della città. L’invito è dunque a prendersi cura della propria bicicletta e a verificare lo stato di quelle che pur parcheggiate all’aperto, non vengono utilizzate da tanto tempo”.

Guarda anche

WiFi4EU: Teramo tra i primi 224 Comuni d’Italia finanziati

Teramo - Il capoluogoabruzzese è risultato Candidato Selezionato, a seguito della partecipazione all’iniziativa WiFi4EU, promossa dalla Commissione europea. L’iniziativa, pensata per promuove il libero accesso alla connettività Wi-Fi per i cittadini negli spazi pubblici, fra cui parchi, piazze, edifici pubblici, biblioteche, centri sanitari e musei, offre ai Comuni la possibilità di richiedere un buono per un valore di 15.000 euro. I buoni saranno poi utilizzati per installare apparecchiature Wi-Fi negli spazi pubblici in quei Comuni che non sono già dotati di uno hotspot Wi-Fi gratuito.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

11 − 10 =