domenica , 16 giugno 2019
Home » Focus » Cronaca » Pescara, encomio a sei poliziotti per l’intervento in un appartamento incendiato VIDEO

Pescara, encomio a sei poliziotti per l’intervento in un appartamento incendiato VIDEO

Pescara. Questa mattina c’è stata la consegna da parte del sindaco Marco Alessandrini, con il vicesindaco Antonio Blasioli e il questore Francesco Misiti, del pubblico encomio ai sei agenti che lo scorso 2 dicembre hanno operato in piazza della Rinascita in un appartamento incendiato, per mettere al sicuro occupanti e inquilini dello stabile.

Si tratta del sovrintendente capo Fabrizio Celsi, del vice sovrintendente Tullio Lullo e degli assistenti capo Stefano Pollastri, Stephane Sedita, Adriano Di Sipio e Gianluca La Donna. L’Amministrazione ha così voluto esprimere il ringraziamento della Città a quanti si impegnano ogni giorno per la comunità, specie quando questo impegno mette a rischio il bene più caro.
“A noi piace sempre dare con questo simbolico gesto un segno di vicinanza alle forze dell’ordine – ha rimarcato il sindaco di Pescara, Marco Alessandrini – che devono rappresentare l’esercizio quotidiano del proprio dovere, non penso che sia eroico fare il proprio dovere ma che sia giusto dare un riconoscimento per questo perché sono persone che ogni mattina si svegliano e fanno il proprio lavoro rischiando”.

Guarda anche

Autovelox sulle strade provinciali: i giudici di pace di Chieti respingono i ricorsi

Chieti - Ben 4 sentenze adottate da 4 Giudici di pace di Chieti hanno confermato i verbali elevati dalla Polizia provinciale con cui sono state irrogate le multe ai conducenti per il mancato rispetto dei limiti di velocità ed oggetto di diverse impugnazioni. A confermarlo è l’Amministrazione provinciale di Chieti, patrocinata dall’avv Veronica Imparato del Foro di Pescara, che ha finora portato a casa un risultato decisivo su due eccezioni sollevate dalla generalità dei ricorrenti che riguardano le coordinate GPS e la preventiva segnalazione del dispositivo.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

1 × quattro =