sabato , 20 ottobre 2018
Home » Culture » Cultura » Ad Archi la presentazione del libro ‘La memoria dello sguardo’

Ad Archi la presentazione del libro ‘La memoria dello sguardo’

Archi. Si terrà giovedì 9 agosto alle 17.00 nella Chiesa di S. Maria dell’Olmoad Archi (Ch) la presentazione del libro “La memoria dello sguardo – Archi in cartolina”dell’arch. Leonardo Porreca e dell’arch. Marisa Di Pasquale. Interverranno all’evento, oltre ai due autori, il sindaco di Archi MarioTroilo e il noto attore Nicola D’Eramo che reciterà alcuni …

Archi. Si terrà giovedì 9 agosto alle 17.00 nella Chiesa di S. Maria dell’Olmoad Archi (Ch) la presentazione del libro “La memoria dello sguardo – Archi in cartolina”dell’arch. Leonardo Porreca e dell’arch. Marisa Di Pasquale. Interverranno all’evento, oltre ai due autori, il sindaco di Archi MarioTroilo e il noto attore Nicola D’Eramo che reciterà alcuni brani tratti dal libro.
La pubblicazione è un affascinante percorso iconografico dai primi del Novecento sino agli anni Settanta/Ottanta attraverso il quale si ricostruisce il passato di Archi, dei suoi luoghi simbolo e del suo paesaggio.E’l’occasione per far scoprire e raccontare la storia di un paese e di un popolo attraverso le cartoline che rappresentano un patrimonio visivo, culturale e storico di grande rilievo. La veduta dalla collina delle Croci, via Palazzo, il Castello Medievale, piazza della Fontana, piazza Marconi con il monumento ai Caduti, la chiesa di S. Maria dell’Olmo e quella di San Rocco: sono soltanto alcuni degli scatti fotografici racchiusi in questa preziosa opera che dona ai cittadini archesi una ricca testimonianza della memoria storica del territorio.
Le cartoline, raccolte e collezionate dall’arch. Leonardo Porreca, documentano insomma il profondo significato del tempo, la storia delle generazioni, i fatti e i luoghi. L’iniziativa è organizzata con il patrocinio del Comune di Archi.

Guarda anche

Oltre 12 mila i visitatori in Abruzzo alle giornate FAI d’autunno

Ottimo risultato favorito dal bel tempo e dal maggiore radicamento del FAI in Abruzzo

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

dodici − 2 =