giovedì , 17 gennaio 2019
Home » Polis » Aziende » Vertice su sicurezza e pedaggi, Cna-Fita a Di Pangrazio: esclusioni incomprensibili

Vertice su sicurezza e pedaggi, Cna-Fita a Di Pangrazio: esclusioni incomprensibili

PESCARA – «E’ singolare che il presidente del Consiglio regionale d’Abruzzo, Di Pangrazio, abbia convocato un tavolo istituzionale per discutere di sicurezza delle infrastrutture e di tariffe autostradali, all’Aquila, escludendo quella parte del mondo dell’impresa che con più forza si è battuta su questi temi». Lo afferma Gianluca Carota, presidente di Cna Fita Abruzzo.

Secondo Carota «se davvero le istituzioni abruzzesi, dopo mesi di silenzio, hanno deciso di mettersi alla testa del vasto movimento di sindaci, rappresentanti delle imprese dell’autotrasporto, associazioni d’impresa e dei consumatori che pone con forza il problema della sicurezza della nostra rete viaria e dei costi abnormi dei pedaggi autostradali, non possono non tener conto del dibattito che si è sviluppato in questi mesi, dei loro protagonisti, di chi lo ha promosso e animato. Soprattutto, dell’impegno profuso dalla varie sigle dell’autotrasporto abruzzese con una puntuale azione di denuncia».  «Ci auguriamo – conclude Carota – che il passo falso operato da Di Pangrazio possa essere presto corretto, ridando al tavolo istituzionale che intende promuovere effettiva rappresentatività e autorevolezza. Nello stesso tempo confermiamo la nostra presenza a Roma, il 19 settembre prossimo, al fianco del movimento dei sindaci di Abruzzo e Lazio che si battono da mesi con noi contro l’aumento dei pedaggi».

Guarda anche

Presentato a S. Omero il “GAL Terreverdi Teramane” al suo interno 21 comuni della provincia di Teramo

S. Omero - L’Assessore Pepe esprime soddisfazione per questo risultato che porterà, grazie al Piano di Sviluppo Rurale, oltre 6 milioni di euro da investire sul territorio provinciale mediante i GAL. Si è tenuta questa mattina, nella splendida cornice di Villa Corallo a S. Omero, la presentazione ufficiale del “GAL Terreverdi Teramane” che vede, al suo interno, ben 21 comuni della provincia di Teramo (Alba Adriatica, Ancarano, Bellante,  Castellalto,  Cellino  Attanasio,  Colonnella,  Controguerra,  Corropoli,  Giulianova, Martinsicuro, Morro D’Oro, Mosciano Sant’Angelo, Nereto, Notaresco, Pineto, Roseto degli Abruzzi, Sant’Egidio alla Vibrata, Sant’Omero, Silvi, Torano Nuovo e Tortoreto) ed un partneriato diffuso e qualificato, con la CIA, Confedeazione Italiana Agricoltori di Teramo-L’Aquila, in qualità di capofila

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

diciassette + 15 =