domenica , 17 febbraio 2019
Home » Polis » Economia » AMMORTIZZATORI SOCIALI: ALLARME CGIL ABRUZZO, SI RISCHIANO ULTERIORI LICENZIAMENTI

AMMORTIZZATORI SOCIALI: ALLARME CGIL ABRUZZO, SI RISCHIANO ULTERIORI LICENZIAMENTI

PESCARA- “Sugli ammortizzatori sociali siamo arrivati al punto: la scelta inserita nel jobs act di un assurdo azzeramento, peraltro privo di concrete alternative in termini di politiche attive del lavoro, ora rischia di causare ulteriori licenziamenti in Abruzzo e nel resto d’Italia”. A lanciare l’allarme è la Cgil Abruzzo.

“Nei mesi scorsi, proprio con il pensiero rivolto al destino infausto degli ammortizzatori, misure che negli anni della crisi ci hanno permesso di governare i processi e anche di mantenere in vita siti produttivi e professionalità – afferma Rita Innocenzi della segreteria regionale del sindacato – le aziende hanno già centellinato gli interventi e poi avviato licenziamenti”.

“Ora, in assenza di un provvedimento del Governo di revisione dell’attuale normativa e di ripristino della Cassa Integrazione Straordinaria – conclude – anche in Abruzzo si rischia di far ulteriormente lievitare le espulsioni di lavoratrici e lavoratori dal mondo del lavoro”.

Guarda anche

Fatturazione elettronica: Confprofessioni Abruzzo contraria “potrà incentivare l’evasione fiscale”

Pescara - L’Italia è l’unico o quasi Paese europeo che ha fatto ricorso alla fattura elettronica. Anzi, è stato il primo Paese a chiedere alla UE di potersi avvalere di questo sistema, asserendo che in tal modo si potrà meglio combattere la lotta contro l’evasione fiscale. In realtà questo è ancora tutto da dimostrare e Confprofessioni Abruzzo ribadisce la sua ferma contrarietà alla  fatturazione elettronica, sottolineando le mille difficoltà che essa comporterà per i professionisti abruzzesi e tante altre categorie di cittadini.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

quattro × 4 =