mercoledì , 14 novembre 2018
Home » Culture » Cultura » Montesilvano, in biblioteca Marco Battista con un giallo mozzafiato

Montesilvano, in biblioteca Marco Battista con un giallo mozzafiato

Ccet presenta: ‘Molto più di un giorno in più.’ “Osservate bene la canna della pistola. Sta puntando voi? Sta puntando lei? Sta puntando lui? Oppure la mano sul grilletto è vostra?”

Montesilvano – Sabato 13 ottobre il secondo appuntamento di stagione del cartellone curato dal Comitato cultura e Territorio, è con un romanzo dalla trama intrigante firmato dallo scrittore Marco Battista, ospite nella biblioteca comunale Emidio Agostinoni, Palazzo Baldoni, Montesilvano.

Quando l’amore e la pazzia danzano insieme, la morte è solo una delle tante ombre che proiettano. Amore e pazzia… difficile capire quale sia nato per primo e quale sia nato dal primo. Sta di fatto che questa danza lascia una traccia che assume la forma di un intreccio, colorato con tinte scure, su cui spiccano gocce scarlatte, come il sangue. In un romanzo straordinario i personaggi diventano reali, così come i sentimenti. E come la paura…

Marco Battista, nato a Pescara nel 1965, è cuoco per professione e scrittore per passione. Dalla cucina alla scrittura il passo è breve, scrivere e cucinare richiedono gli stessi bisogni: dosare con cura gli ingredienti, usare gli spazi, controllare i tempi. Ha iniziato a scrivere a 40 anni dei racconti brevi, con i quali ha partecipato a vari concorsi, “Luce dell’arte”- Roma 2015; Premio Letterario Internazionale “Jacques Prévert 2013”; Premio “La forza dei sentimenti”; “Premio Alberoandronico”, sempre conquistando il podio. Da allora non ha mai smesso: è un bisogno del quale non riesce più a fare a meno ed è il modo in cui riesce meglio ad esprimere se stesso. Con il suo primo romanzo, Battista fissa in modo indelebile ricordi di persone care, luoghi del cuore, stati d’animo, momenti che raccontano una vita. Grazie all’altra sua passione, la fotografia, Battista riesce a catturare la vita, spesso sfuggente e inafferrabile. “Scrivere è come scattare una foto. La scrittura conserva tra le pagine un insieme di emozioni che rimarranno intatte nel tempo, proprio come una fotografia ne conserva l’immagine”.

Il Ccet sta organizzando in biblioteca, oltre agli incontri con gli autori di libri, anche kermesse di poeti e narratori, in attesa di pubblicazioni, che leggeranno i propri scritti inediti. Il primo è previsto per il 20 ottobre.

Il 27 ottobre sarà la volta di uno romanzo fantasy, Energya, scritto da Rosa Anna Buonomo e Anna Di Donato.

 

Marco Battista

Guarda anche

A Peppe Millanta il Premio Thesaurus come autore dell’anno

Milano. Ancora un riconoscimento per lo scrittore abruzzese Peppe Millanta, autore del romanzo d’esordio “Vinpeel …

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

5 × tre =