sabato , 24 agosto 2019
Home » Polis » Città » Martinsicuro, chiusura Sportello Anangrafe di Villa Rosa: il sindaco ” dettata dalla necessità di riorganizzare al meglio i servizi”

Martinsicuro, chiusura Sportello Anangrafe di Villa Rosa: il sindaco ” dettata dalla necessità di riorganizzare al meglio i servizi”

Martinsicuro – “Il miglioramento dei servizi sul territorio attraverso lo Sportello Anagrafe meriterebbe una valutazione più seria evitando di alimentare logiche territoriali che non hanno alcun senso” dichiarano il primo cittadino truentino, Massimo Vagnoni, ed il Consigliere delegato ai Servizi Demografici, Cinzia Rossetti, a nome dell’Amministrazione comunale.

A noi non piace perdere tempo e quindi non scenderemo sul terreno della inutile polemica politica con chi ha amministrato sino a poco tempo fa e che dovrebbe ben conoscere le dinamiche che ruotano intorno al funzionamento dei servizi di anagrafe. Dinamiche, rispetto alle quali, le “battute” dei consiglieri di minoranza non hanno alcuna utilità se non quella di strumentalizzare ogni cosa che accade per rivendicare un recente passato di amministratori che non ci pare possa essere preso da esempio” proseguono gli amministratori comunali.

La decisione di chiudere dello sportello a Villa Rosa dal mese di agosto è stata dettata dalla necessità di organizzare al meglio un servizio gestito da un organico sottodimensionato rispetto ad una enorme mole di lavoro, con incombenze che aumentano in base a leggi che delegano al Comune funzioni sempre più complesse, vedasi unioni civili, convivenze di fatto, carte d’identità elettroniche, separazioni e divorzi ecc.” dichiarano il Sindaco Vagnoni ed il Consigliere Rossetti. “Per far comprendere al meglio la situazion basta analissare solo alcuno dati: dal mese di gennaio sono state rilasciate 1.800 carte d’identità, tra iscrizioni, cancellazioni e cambi di via per residenze sono state istruite circa 800 pratiche e, tra annotazioni e trascrizioni di stato civile, sono state istruite circa 500 pratiche. L’ufficio di Villa Rosa, non abilitato al rilascio delle carte di identità elettroniche, funzionava per il rilascio di alcuni certificati e per la consegna di buoni pasto. Servizi sicuramente importanti ma che, a fronte delle difficoltà in essere, non potevano essere garantiti in maniera efficace ed utile per la cittadinanza”.

Quindi, al fine di razionalizzare al massimo l’organico esistente, abbiamo ritenuto di utilizzare per questo momento tutte le risorse umane presso l’Ufficio di Martinsicuro, tenuto conto che la quasi totalità delle incombenze possono essere evase solo in tale sede” proseguono gli amministratori. “Naturalmente ci assumiamo tutta la responsabilità per questa scelta, così come rassicuriamo tutti i cittadini, con i quali ci scusiamo per gli eventuali disagi subiti, sulla nostra volontà di lavorare per migliorare la qualità dei servizi resi riducendo i tempi di evasione delle pratiche ancora non in linea con le attese”.

In tal senso, di concerto con il responsabile dell’area e del servizio, che ringraziamo per la professionalità e l’impegno che mettono in campo insieme a tutto il personale evadendo una grande mole di lavoro giornaliera, stiamo pianificando azioni volte a risolvere le criticità ancora in essere venendo incontro alle esigenze della cittadinanza” conclude la nota. “Nel rispetto delle opinioni e/o critiche di ognuno noi continuiamo a lavorare con serietà e determinazione. Sentite le considerazioni dei consiglieri di minoranza ci viene infine il dubbio che l’ossessione per le poltrone affligga proprio chi non amministra più la nostra Città e non i nostri assessori e consiglieri attenti alle questioni che riguardano il territorio a prescindere dalla propria residenza”.

Guarda anche

Ordinato lo sgombero per il CAS di Castellana: Il sindaco Marinelli “pericoli per la salute pubblica”

Pianella - Un controllo da parte del dipartimento di prevenzione della ASL di Pescara ha fatto emergere una condizione di sovraffollamento presso il Centro di Accoglienza e Soggiorno Immigrati (CAS) di Castellana. La struttura, infatti, prevede una recettività massima di 9 persone in luogo delle 14 presenti, condizione che come riferisce l'Amministrazione comunale, <>.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

cinque × due =