domenica , 19 gennaio 2020
Home » Focus » Meteo » Maltempo: La Protezione civile avvisa criticità per oggi e domani, allerta arancione

Maltempo: La Protezione civile avvisa criticità per oggi e domani, allerta arancione

Nello specifico, dalla mattina di oggi (22 Ottobre) alle 14 di domani (23 ottobre), l’allerta arancione interesserà i Bacini Tordino-Vomano, Bacino del Pescara, Bacino Alto del Sangro e Bacino Basso del Sangro e sulle restanti zone della Regione, in particolare sui Bacini dell’Aterno e Marsica, prevista allerta gialla per rischio idrogeologico localizzato.

Le allerte emesse sono relative alla possibilità di innesco di fenomeni franosi, instabilità dei versanti e cadute massi, fenomeni di esondazione dovuti all’innalzamento del livello idrometrico dei corsi d’acqua principali e del reticolo idrografico minore. Il Centro Funzionale ha, inoltre, diffuso l’Avviso di condizioni meteo avverse emesso dal Dipartimento di Protezione Civile, che prevede precipitazioni diffuse, anche a carattere di rovescio o temporale.

Previsti venti forti con raffiche di burrasca forte e possibili mareggiate lungo le coste esposte. La Sala operativa ed il Centro funzionale d’Abruzzo seguiranno l’evoluzione dei fenomeni attraverso il sistema del volontariato di protezione civile, la rete radar meteo e la rete regionale in telemisura. Ai Comuni è stato raccomandato di predisporre e attuare tutte le misure previste dai piani di emergenza e di vigilare il territorio con particolare riferimento alla corretta tenuta dei reticoli idrografici e del funzionamento dei sistemi di raccolta e smaltimento delle acque meteoriche, invitando i Sindaci a monitorare le zone in cui sono presenti movimenti franosi. Le norme comportamentali e di autoprotezione per i cittadini sono consultabili sul sito web allarmeteo.regione.abruzzo.it alla sezione Allerte e segnalazioni

Guarda anche

Maltempo, il governo nega il riconoscimento dello stato di emergenza per la grandinata di luglio scorso

Pescara - Il Dipartimento di Protezione Civile ha notificato alla Regione Abruzzo il diniego al riconoscimento dello Stato di emergenza, e quindi di contributi statali, per i danni provocati dalla eccezionale grandinata del 10 luglio scorso. Secondo la Protezione Civile, nonostante i plurimi sopralluoghi effettuati nei comuni maggiormente colpiti, i danni riscontrati possono e devono essere affrontati con le ordinarie risorse degli Enti locali interessati.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

7 + 1 =