giovedì , 18 luglio 2019
Home » Polis » Città » Pescara, revocato lo stop precauzionale all’utilizzo dell’acqua dello Stadio Adriatico Cornacchia

Pescara, revocato lo stop precauzionale all’utilizzo dell’acqua dello Stadio Adriatico Cornacchia

Sindaco e Diodati: “Eseguita la sanificazione richiesta dalla Asl, ora è possibile ripristinare il flusso idrico”

Pescara – Stadio, torna fruibile l’acqua dopo la sanificazione. Stamane il sindaco Marco Alessandrini ha firmato l’ordinanza di revoca del divieto di utilizzo adottato a scopo solo precauzionale alcuni giorni fa.

 

“Il Comune ha adempiuto alle procedure di sanificazione indicate dalla Asl a fronte dei rilievi fatti la settimana scorsa sulla qualità dell’acqua dello Stadio Adriatico Cornacchia, che presentava tracce di Legionella – così il sindaco Marco Alessandrini e l’assessore allo sport Giuliano Diodati – L’ordinanza disppsta era a scopo puramente precauzionale, perché la Asl non aveva richiesto alcuna interdizione per via della lieve entità dei valori sul batterio. Abbiamo voluto affrontare in modo radicale la situazione, pur non paralizzando la struttura, dove si sono svolte regolarmente le attività sportive previste, ma senza l’utilizzo dell’acqua per docce e rubinetti. Ora la sanificazione è finita, l’Ente ha incaricato una ditta specializzata per eseguire il cosiddetto shock termico della rete e la clorazione delle acque, che proprio stamane ci ha relazionato circa le operazioni e in base a cui è possibile revocare l’ordinanza di stop all’uso dell’acqua.

Continueremo a tenere sotto controllo la qualità della rete e delle acque, perché vogliamo aprire ancora di più la struttura all’utilizzo della città, ma farlo con le massime tutele per i frequentatori e la cittadinanza”.

Guarda anche

Il Comune di Spoltore avvia la ricognizione per i danni da maltempo e la pulizia straordinaria della città

Spoltore - Il Comune  ha pubblicato sul suo sito istituzionale un avviso, rivolto ai cittadini, sulla ricognizione per i danni da maltempo di mercoledì scorso (10 luglio 2019): considerata "l’urgenza di comunicare alla Regione una prima quantificazione dei danni" si chiede ai cittadini interessati di "inviare al Comune una comunicazione contenente, nome e cognome o ragione sociale, indirizzo, tipologia di danno, quantificazione del danno subito (anche stimata), e contatto telefonico. E' consentito allegare anche documentazione fotografica.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

diciannove − diciassette =