venerdì , 23 agosto 2019
Home » Passioni » People » Teramo la scuola elementare Noè Lucidi protagonista di un progetto Erasmus

Teramo la scuola elementare Noè Lucidi protagonista di un progetto Erasmus

Teramo – I ragazzi e gli insegnanti di un progetto Erasmus di cui è protagonista la scuola elementare Noè Lucidi, hanno accolto ieri il sindaco Gianguido D’Alberto, durante un incontro che ha segnato l’inizio del percorso che li porterà a sviluppare l’intero progetto. Nella scuola, assieme ad altri studenti del progetto provenienti da Portogallo, Spagna, Repubblica Ceca e Germania, il sindaco ha potuto incontrare anche i docenti teramani e stranieri. D’Alberto ha così colto l’occasione per  formulare ai presenti gli auguri per il successo dell’iniziativa.

Nel suo saluto, il sindaco ha  sottolineato  che l’esperienza della condivisione è fondamentale in questo periodo, soprattutto perché essa sembra essere messa in discussione proprio nel nostro paese.

E invece, ha rimarcato il sindaco di Teramo rivolto ai ragazzi e agli insegnanti, l’unità dei popoli d’Europa deve essere un traguardo cui tendere con convinzione soprattutto perché, ha sottolineato:  “Non bastano gli organismi istituzionali a rendere compiuta l’unità ma è davvero indispensabile che si diffonda soprattutto tra i giovani la consapevolezza di essere cittadini europei, di sentirsi parte vitale di un grande territorio, nel quale la storia ha segnato passi fondamentali e che ora potrà svilupparsi davvero nella sua unitarietà solo se questa consapevolezza diventa patrimonio comune tra i giovani, che ne sono il futuro”.

Il sindaco ha quindi sottolineato come da scambi ed esperienze come l’Erasmus possa svilupparsi la coscienza dell’importanza della condivisione, della Pace e dell’uguaglianza. “La cooperazione tra Nazioni – ha concluso D’Alberto –conduce  al dialogo, che è fondamentale per far crescere tutti e per dare consistenza alle democrazie. La scuola ha un compito primario in ciò ed esperienze come la vostra ne sono la prova e inducono alla speranza”.

Guarda anche

Ci lascia Iva Polcina, scrittrice e operatrice culturale

È scomparsa all’età di 75 anni Iva Polcina, scrittrice e operatrice culturale. Nata a Capestrano (L'Aquila) nel 1944, ha insegnato in Lombardia e in Liguria ed ha vissuto in Grecia. Ha partecipato a stages teatrali tenuti da Giorgio Albertazzi nella città di Volterra, dal 1996 al 1998. Per la sua attività letteraria ha conseguito premi e riconoscimenti, tra cui il Premio della Giuria del “Fiorino d’Oro”, il Premio “Giorgio Albertazzi”, il Premio Internazionale “Emigrazione” per il libro “Terre di Guerrieri”,  il Premio “Lettera d’Amore” per una lettera d’amore dedicata al Guerriero di Capestrano. 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

11 − due =