sabato , 17 agosto 2019
Home » Focus » Cronaca » Nuova scritta a Pescara sui muri della Cgil, preso di mira Goubadia

Nuova scritta a Pescara sui muri della Cgil, preso di mira Goubadia

Pescara – Questa mattina, sulle pareti esterne della sede della CGIL di Pescara e Abruzzo Molise in Via B. Croce è comparsa una scritta contro il responsabile dell’Ufficio Migranti de Sindacato Patrick Guobadia, in una nota stampa congiunta CGIL Pescara, CGIL Abruzzo Molise e CGIL Nazionale esprimono vicinanza al sindacalista e annunciano un presidio domani presso la Prefettura locale. Su quanto accaduto è intervenuto manifestando solidarietà il sindaco di Pescara Marco Alessandrini il segretario Regionale di Si Abruzzo Daniele Licheri, tra i primi ad aver commentato l’accaduto sui social, ad essere solidale con Goubadia anche Corrado Di Sante, segretario provinciale Rifondazione Comunista.

“Questa volta ad essere preso di mira direttamente un compagno della CGIL, Patrick Guobadia, Responsabile dell’Ufficio Migranti per il Sindacato.

La CGIL di Pescara, la CGIL Abruzzo Molise, la CGIL Nazionale, nel condannare fermamente l’episodio, esprimono la massima solidarietà al compagno  Patrick, dirigente sindacale che nel corso degli anni si è sempre impegnato nella difesa dei diritti e per il miglioramento delle condizioni di chi sta peggio, in particolare dei migranti.

La CGIL Pescara, Abruzzo Molise, Nazionale, esprimono altresì molta preoccupazione a causa del diffuso clima d’odio e di intolleranza razziale che si sta manifestando anche attraverso episodi di questo genere, sempre più frequenti.

Quello di stamane, infatti, non è un episodio isolato.

Solo poche settimane fa erano apparsi simboli nazi-fascisti nella sede della CGIL di Montesilvano.

La CGIL ha sempre contrastato e combattuto la violenza, l’intolleranza, il razzismo ed il fascismo, ed è sempre stata e sempre sarà baluardo e presidio di democrazia, di resistenza, e simbolo per l’affermazione dei valori e principi costituzionali.

Dopo questo episodio, per esprimere la solidarietà e tutto il sostegno dell’Organizzazione a Patrick e per continuare ad affermare e difendere i nostri valori contro ogni forma di razzismo, abbiamo deciso di organizzare un presidio dimostrativo per domani 21 Gennaio 2019, alle ore 17.30, davanti la sede della Prefettura di Pescara.

La società civile, le associazioni, i cittadini, nonché i mezzi di informazione, sono invitati a partecipare”.

Le Segreterie congiunte

CGIL Pescara Luca Ondifero      CGIL Abruzzo Molise Carmine Ranieri      CGIL Nazionale  Giuseppe Massafra

 

 

Il Sindaco di Pescara Alessandrini “Solidarietà umana e istituzionale a chi, come lui, ci onora ogni giorno con il suo impegno e la sua competenza”

 

“Voglio attestare tutta la mia solidarietà e vicinanza istituzionale e umana a Patrick Guobadia per la scritta con cui qualcuno ha “sporcato” le pareti della sede della Cgil di Pescara. Un luogo dove lui professionalmente è cresciuto e dove quotidianamente si mette a servizio della città che lo ha accolto e dei cittadini stranieri e italiani che vi si rivolgono. La sua storia è una storia di integrazione, di diritti che si sono affermati e riconosciuti grazie alla legge italiana, che oggi lo tutela come cittadino a tutti gli effetti, perché è qui che ha deciso di restare e vivere.

L’odio genera odio e credo che quella scritta non possa essere considerata una bravata senza senso, in un momento in cui una delle maggiori paure instillate alle masse da chi ci governa è quella, anacronistica, dell’uomo nero.

La storia di Patrick e il suo impegno per gli altri fanno onore ogni giorno alla nostra città e la scritta contiene un invito ben lontano, sono certo, dallo spirito di accoglienza e inclusione che da sempre appartiene a Pescara” Si legge nel comunicato stampa del Sindaco di Pescara Marco Alessandrini.

 

 

 

Licheri SI “Massima solidarietà a Patrick Guobadia”

“Questa vergognosa scritta comparsa sul muro della sede regionale della Cgil Abruzzo è un monito a non abbassare mai la guardia.

Il clima razzista e xenofobo continua a montare ognu giorno di più e chi come Patrick da anni ci mette la faccia a favore di integrazione, diritti e multiculturalità diventa un facile bersaglio per questi idioti fascisti.

Da parte mia e di tutta Sinistra Italiana Abruzzo massima vicinanza e solidarietà oltre che la totale condanna a questi vergognosi atti intimidatori”.

Così Daniele Licheri Segretario Regionale di Si Abruzzo è intervenuto commentando sui social quanto avvenuto.

 

 

DI SANTE (PRC) SOLIDARIETA’ A PATRICK GOUBADIA RESPONSABILE UFFICIO MIGRANTI CGIL.
 
“Continua la sequenza di scritte e atti intimidatori di stampo fascista e razzista.  Dopo le svastiche davanti alla sede della CGIL e del PD a Montesilvano appena 15 giorni fa, i soliti miserabili hanno preso di mira Patrick Goubadia responsabile dell’ufficio migranti della CGIL della Camera del lavoro di Pescara. A Patrick e alla CGIL esprimiamo tutta la solidarietà e la vicinanza da parte delle compagne e dei compagni di Rifondazione Comunista.
 
Al fianco di Patrick Goubadia abbiamo condiviso in questi anni numerose battaglie per rendere più civile e solidale la vita di tutte e tutti.
Rifondazione Comunista parteciperà e invita tutta la cittadinanza democratica ad essere presente domani lunedì 21 gennaio alle ore 17,30 al presidio di solidarietà convocato sotto la Prefettura di Pescara.
 
Il ministro dell’interno Salvini faccia il suo dovere ovvero sciolga e metta fuori legge le formazioni neofasciste da Forza Nuova a Casa Pound, ad un ministro si deve il rispetto della Costituzione Repubblicana. Intimidazioni e svastiche non possono essere tollerati. Il fascismo non è un opinione è un crimine“. Così in una nota stampa Corrado Di Sante, segretario provinciale Rifondazione Comunista.

Guarda anche

Violenza a Rancitelli: Pettinari (M5S) forze dell’ordine ed esercito, unica forma di prevenzione ad atti criminosi così violenti

RANCITELLI, NUOVO SANGUE SULLA STRADA PETTINARI “ANDRO’ A FONDO SULLE MOTIVAZIONI CHE SPINGONO CHI DI DOVERE A NON PRENDERE LE GIUSTE PRECAUZIONI!”

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

11 − cinque =