lunedì , 25 marzo 2019
Home » Culture » Cultura » Francavilla, il pubblico dei giovani al Festival della Scienza e dell’Ingegneria

Francavilla, il pubblico dei giovani al Festival della Scienza e dell’Ingegneria

Francavilla al Mare. Si è concluso con una straordinaria partecipazione di pubblico in ogni appuntamento il “Festival della Scienza e dell’Ingegneria” promosso dalla “Società Italiana della Scienza e dell’Ingegneria” (SIdSI), manifestazione che rientra nei “Progetti speciali” del programma di “Palazzo Sirena” realizzato dall’amministrazione comunale di Francavilla al Mare. Soddisfatto l’Ing. Davide Cavuti direttore artistico del …

Francavilla al Mare. Si è concluso con una straordinaria partecipazione di pubblico in ogni appuntamento il “Festival della Scienza e dell’Ingegneria” promosso dalla “Società Italiana della Scienza e dell’Ingegneria” (SIdSI), manifestazione che rientra nei “Progetti speciali” del programma di “Palazzo Sirena” realizzato dall’amministrazione comunale di Francavilla al Mare.
Soddisfatto l’Ing. Davide Cavuti direttore artistico del “Palazzo Sirena” e manager della “Società SIdSI” che in collaborazione con l’Università dell’Aquila ha ideato le giornate di approfondimento vantando lacollaborazione con l’Istituto Nazionale di Fisica Nucleare (INFN), l’ENEA e il DICEAA – Dipartimento di Ingegneria Civile, Edile, Ambiente e Architettura.
La “Società Italiana della Scienza e dell’Ingegneria”, che ha come presidente onorario il Prof. Antonino Zichichi, vede nel suo organigramma la presenza dell’astronauta Paolo Nespoli, socio onorario e membro del “Comitato scientifico”.
<<I cinque progetti, elaborati da SIdSI– ha dichiarato l’Ing. Davide Cavutidirettore generale della SIdSI – sono legati a tematiche di stretta attualità quali la Sicurezza sismica delle costruzioni e del territorio, l’Idrogeno come opportunità per la mobilità del futuro, l’Azienda 4.0 e i sistemi integrati per l’ottimizzazione della produzione industriale e per concludere l’Economia e l’Ingegneria del Mare e la formazione. Nell’attuarli – conclude l’Ing. Cavuti – abbiamo individuato la parola chiave “Five S” declinata come Sostenibilità, Società, Scienza, Salute, Sicurezza prendendo spunto dalle “Cinque S” che sono le fondamenta del metodo di ottimizzazione dei processi industriali, applicato attraverso il miglioramento continuo strutturato, nelle aziende moderne e prerogativa della sostenibilità aziendale.>>
Il tema della manifestazione è stato “Sostenibilità e Resilienza”: dopo l’intervento del Prof. Gianfranco Totanisu “La sostenibilità, irrinunciabile esigenza contro il degrado ambientale e sociale” si è entrati nel vivo del programma con l’intervento delProf. Gino D’Ovidio, docente universitario di “Tecnica ed economia dei trasporti”,che ha illustrato agli studenti le “Opportunità tecnologiche per la mobilità sostenibile”: sono stati esposti i progetti dei mezzi di trasporto a idrogeno con la descrizione dei risultati sin qui ottenuti. Al Professore Emerito di Macchine ElettricheEnzo Chiricozzi, presidente del “Comitato scientifico” della “SIdSI”, sono state affidate le conclusioni della giornata di approfondimento scientifico, precedute da alcune domande rivolte ai relatori dai numerosi studenti intervenuti. Ilsecondo appuntamento in programma haaffrontato il tema legato all’Ingegneria del Mare con il Prof. Marcello Di Risio, docente universitario di “Costruzioni idrauliche e marittime e idrologia”: una presentazione suddivisa in due momenti intervallati da domande degli studenti allo studioso sul tema “Estrazione energetica dal mare: un’opportunità e una sfida”.
<<La manifestazioneha raggiunto l’obiettivo che si era prefisso, quello di coniugare la cultura scientifica con le attività dei giovani sensibilizzandoli e avvicinandoli ai vari insegnamenti universitari – ha dichiarato l’Ing. Davide Cavuti- Le giornate di approfondimento scientifico hanno avuto una grande risposta da parte del pubblico composto soprattutto da giovani studenti. Continueremo a proporre manifestazioni con temi legati alla sostenibilità al fine di promuovere la diffusione della cultura scientifica coinvolgendo personalità del mondo della scienza e delle istituzioni>>.
Il Festival scientifico si è concluso con lo spettacolo “Sfumature di donne di scienza” di e con Sara D’Amario, con la mise en scène e le musiche di Francois-Xavier Frantz. Un viaggio nel tempo, dal tono leggero e divertente, in compagnia di venti scienziate che hanno rivoluzionato il mondo della matematica, della fisica, dell’astronomia, della chimica, della filosofia, dell’informatica.
Applauditissima la performance dell’attrice torinese che ha ripercorso le storie delle numerose donne che hanno segnato la storia del progresso scientifico nel corso dei secoli.
Il “Comitato Scientifico” della SIdSI è presieduto dal Prof. Enzo Chiricozzi(già Prorettore delegato per il placement universitario e per i rapporti con il mondo del lavoro e Professore Emerito di “Macchine elettriche”) e ne fanno parte l’Ing. Davide Cavuti(Direttore generale della “SIdSI” e Docente del corso professionalizzante di “Ingegneria del miglioramento continuo” all’Università dell’Aquila), il Prof. Gianfranco Totani (Docente di “Ingegneria Geotecnica” all’Università dell’Aquila e membro della “International Society of SoilMechanics and GeotechnicalEngineering”),l’Ing. Giuseppe Zia (già membro del “Consiglio Nazionale dell’Ordine degli Ingegneri” e del “Continuing Professional Development Committee” del “F.E.A.N.I.”) ed altri esponenti autorevoli del mondo accademico, dell’industria e delle professioni.

Guarda anche

A Pescara prima presentazione del Viandante Educational

Chieti. La casa editrice teatina Il Viandante, diretta da Arturo Bernava, lancia la linea Viandante …

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

sedici + 17 =