venerdì , 24 maggio 2019
Home » Focus » Ambiente » Venerdì 15 sciopero mondiale per il clima

Venerdì 15 sciopero mondiale per il clima

Studenti, lavoratori, attivisti in Piazza Italia dalle ore 9 per il rispetto degli accordi di Parigi sul cambiamento climatico

PESCARA – Anche a Pescara, come in migliaia di città nel mondo, venerdì 15 marzo si terrà il ‘Global Strike for Future’, lo sciopero globale per il clima al quale hanno aderito collettivi studenteschi, associazioni ambientaliste, cittadini e attivisti.

Le ultime proiezioni scientifiche diffuse da ENEA confermano che entro la fine del secolo l’innalzamento dei mari dovuto al riscaldamento globale sommergerà vaste aree della penisola, compresa gran parte di Pescara.

Studenti, lavoratori e cittadini saranno nella mattina di venerdì 15 marzo alle ore 9 in Piazza Italia, di fronte al Comune, per stimolare un’azioneimmediata della politica e della società, verso la mitigazione del cambiamento climatico e la tutela dell’ambiente.

Il riscaldamento globale deve essere mantenuto al di sotto di 1.5°C, limite oltre il quale ci aspetterebbero eventi climatici estremi sempre più frequenti, aria irrespirabile, oceani acidificati, crisi idriche e alimentari, migrazioni di massa.

Un traguardo previsto dall’accordo raggiunto da 195 Paesi nel 2015 in occasione della COP 21 di Parigi, ma che la politica sta ignorando nonostante gli impegni presi, per una drastica riduzione delle emissioni da combustioni fossili, la lotta alla deforestazione, la conversione dei sistemi economici e industriali.
“Se questa lotta verrà persa, nessun’altra potrà essere condotta”, dice Greta Thunberg, ispiratrice del movimento Fridays For Future.

Chiunque voglia gridare insieme agli organizzatori questo messaggio è invitato ad aderire e a partecipare al flash mob senza identificarsi con stemmi, bandiere o simboli che rimandino a gruppi partitici, fazioni o associazioni.

Per informazioni sulle iniziative legate al FRIDAYS FOR FUTURE Pescara si può aderire al gruppo facebook o consultare l’omonima pagina.

Guarda anche

Dune di Ortona, nasce il gruppo #DunebeneComune per dire no alle concessioni alla spiaggia di Stazione di Tollo

Ortona - È nato il gruppo Dune Bene Comune per la difesa della spiaggia libera della Stazione di Tollo dalle concessioni balneari che il comune di Ortona vuole rilasciare dopo il bando lampo del 30 aprile.  Il gruppo si è formato sabato scorso durante una affollatissima riunione a cui hanno partecipato una sessantina di persone, tra tanti semplici cittadini e rappresentanti delle associazioni, che hanno risposto ad un appello circolato in rete con appena due giorni di preavviso.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

quattro × due =