lunedì , 14 ottobre 2019
Home » Culture » Eventi » Domenica 7 aprile a Spoltore la via Crucis vivente

Domenica 7 aprile a Spoltore la via Crucis vivente

Spoltore -La Passione di Nostro Signore Gesù Cristo, i vari incontri lungo il suo straziante cammino verso la  morte in Croce per la redenzione di tutti gli uomini, la vittoria sulla morte con la Sua Resurrezione. Per la prima volta a Spoltore la celebrazione della Pasqua sarà sottolineata dalla Via Crucis vivente, una rappresentazione in vernacolo organizzata dall’Associazione Culturale Corale Polyphonia con il patrocinio dell’amministrazione comunale e la partecipazione della compagnia teatrale “La Carriole”. Il sodalizio tra Polyphonia e “La Carriole” è ormai collaudato e ha già rappresentato la via Crucis, negli anni scorsi, a Pescara e Montesilvano.

L’appuntamento è per domenica 7 aprile 2019, alle ore 19.00 dopo la Santa Messa, in Piazza San Giovanni. In caso di pioggia l’evento sarà proposto nella Chiesa di San Panfilo Vescovo Entro le Mura. “L’idea iniziare era di coinvolgere tutto il centro storico di Spoltore” spiega l’assessore alla cultura Roberta Rullo “ma poi si è preferito un percorso più agevole che andrà a coprire diversi punti di piazza San Giovanni. Le diverse stazioni della via Crucis saranno dotate di filodiffusione per ascoltere le parole del Vangelo, lette da Monsignor Don Gino Cilli, commenti e dialoghi degli attori itineranti in vernacolo abruzzese a cura del poeta Guido Antonioli”.

Le varie stazioni della Via Crucis si stenderanno lungo il perimetro della piazza fino a raggiungere la zona centrale, il palcoscenico naturale dove avrà luogo la scena della morte e resurrezione. L’azione scenica è affidata alla Compagnia Teatrale “La Carriole” della Pescara Video Onlus sotto la regia di Oliviero Zimuel.

Particolare attenzione, ovviamente, sarà dedicata musica: ad eseguire i brani circa 80 coristi provenienti dal Polyphonia di Spoltore, dal Beato Nunzio di Pescara e dal Teen Choir del Corus Line Center di Spoltore. A dirigerli il maestro Gianni Golini: nel programma il repertorio polifonico sacro di Gregorio Allegri, Antonio Lotti, Wolfgang Amadeus Mozart e parti inedite scritte appositamente  dal compositore contemporaneo Giuseppe  Di Leo, autore di brani intensi ispirati proprio dalla resurrezione del Cristo. “Ogni stazione” chiarisce l’organizzazione “avrà un suo riferimento musicale”.

Guarda anche

Festa in onore dell’Immacolata Concezione in contrada Casale a Ripa Teatina

Ripa Teatina. Come ogni anno, la contrada Casale di Ripa Teatina si riunisce nel mese di Ottobre per festeggiare insieme l'Immacolata Concezione. Ormai una festa importante è sempre più sentita dal quartiere. Notizie della chiesa in contrada Casale si hanno già nel ‘700.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

9 + 18 =