domenica , 21 luglio 2019
Home » Polis » Politica » Ciclovia Adriatica: Febbo incontra i 19 sindaci – VIDEO

Ciclovia Adriatica: Febbo incontra i 19 sindaci – VIDEO

Pescara. Sarà siglato, a giorni, a Roma, nella sede del Ministero delle Infrastrutture e dei Trasporti, un protocollo d’Intesa tra lo stesso Ministero e le Regioni Marche (capofila), Veneto, Emilia Romagna, Molise, Puglia ed Abruzzo per la progettazione e la realizzazione della Ciclovia turistica “Adriatica”. Per il suo completamento è stata prevista una prima tranche di finanziamento di circa 19 milioni di euro. La notizia è stata confermata, questa mattina, a Pescara, dall’assessore al Turismo, Mauro Febbo, nel corso di una conferenza stampa che ha seguito la riunione con i 19 sindaci delle città costiere abruzzesi interessate dal progetto “Bike to Coast”, che è parte fondante della ciclovia adriatica che collegherà il veneto con la Puglia. Il percorso abruzzese, di 131 chilometri, è a buon punto, ma non è ancora del tutto concluso. Mancano infatti, circa 45 chilometri di percorso per realizzare la ciclovia sula costa abruzzese che rappresenta anche la parte più avanzata dell’intera costa adriatica.

“Abbiamo fatto il punto della situazione per arrivare a realizzare un’infrastruttura importante – ha affermato l’assessore regionale al Turismo, Mauro Febbo – sia dal punto di vista turistico, con tutto ciò che è collegato, ma che può essere usufruita anche dal punto di vista del trasporto pubblico locale. Quindi convenzioni con Trenitalia, peraltro l’Abruzzo è una delle poche regioni dove non si paga il bagaglio, soprattutto perché abbiamo l’opportunità di rientrare in un finanziamento che verrà discusso fra qualche settimana con le altre Regioni dal Veneto alla Puglia, ma il progetto è più ambizioso, per cui abbiamo la necessità di conoscere con attenzione quello che si può e che si deve realizzare il progetto europeo.
Abbiamo due ipotesi importanti tra cui quella di far esaltare questa ciclovia all’interno di un percorso che attraversi tutto l’Adriatico, quindi accoglie non solo bici-ferrovie, ma bici-ferrovie-navi. Credo che sia un progetto ambizioso su cui l’Abruzzo si deve far trovare pronto, ai sindaci abbiamo chiesto di darci qualche indicazione, chiediamo soprattutto anche uniformità nella morfologia, nella visione della pista perché ognuno l’ha realizzata a modo suo, invece noi dobbiamo fare una cosa omogenea, quindi stiamo lavorando velocemente su questo progetto. Ci sono ancora delle criticità che dobbiamo assolutamnete risolvere, sono soprattutto legate ai finanziamenti, all’ipotesi di ulteriori finanziamenti che arriveranno.
C’è una scelta che non è stata condivisa che è quella di ritirare, riprendere i ribassi restituendoli alla Regione, molti di quei ribassi i Comuni li avrebbero potuti utilizzare per miglioramenti e per risolvere alcune criticità. È chiaro che dobbiamo intervenire per restituire quei soldi ai Comuni, in parte lo abbiamo già fatto, c’è una determina pronta che tra questo lunedì e il prossimo andrà in giunta per far ripartire alcuni lavori.
Alcuni Comuni sono in ritardo, in un’altra occasione ho detto che i Comuni vanno attivati, sollecitati, quando un Comune è inadempiente si commissaria e soprattutto si rende pubblico nei confronti della cittadinanza il ritardo delle proprie amministrazioni e allora credo che i sindaci si attiveranno”.

Guarda anche

Di Primio ritira le dimissioni “prima di me esiste il bene di Chieti”

“Il Sindaco di Chieti, Umberto Di Primio, ha ritirato le dimissioni presentate lo scorso 17 giugno”. Lo ha annunciato questa mattina, nel corso di una conferenza stampa.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

9 + 1 =