martedì , 21 maggio 2019
Home » Focus » Ambiente » Giornata delle Oasi: la Riserva Lago di Penne e il MUSAP presentano il programma
L'Oasi di Penne

Giornata delle Oasi: la Riserva Lago di Penne e il MUSAP presentano il programma

Penne  – In occasione della “Giornata delle Oasi”, in programma domenica 19 maggio, l’Amministrazione comunale di Penne (Pe) ha presentato il programma degli eventi che si animeranno nella riserva regionale “Lago di Penne” che ospita l’Oasi del Wwf. Resteranno aperti, l’intera giornata, i musei cittadini: Archeologico “G.B. Leopardi”, Arte moderna e contemporanea (MaMeC) e naturalistico “Nicola De Leone” (i volontari dell’associazione culturale PinnaVestinorum saranno a disposizione per le visite guidate).

Sono previsti anche escursioni in bicicletta e passeggiate nei sentieri ricavati all’interno dell’area protetta; si potranno visitare, inoltre, il Centro faunistico del lupo ibrido, divenuto meta di studiosi nazionali, e gli orti botanici, insieme con guide esperte che accompagneranno i turisti lungo il torrente Gallero dove si potranno scoprire gli ambienti umidi e le specie vegetali della riserva. Il programma prevede un primo evento alle ore 10.30 e un secondo, nel pomeriggio, alle ore 16.30, dove in bici e a piedi si percorrerà il sentiero “Serafino Razzi”, con partenza da Penne (parcheggi terminal autobus di Fonte Nuova) e arrivo nel Centro visite. “Sarà l’occasione per unire ambiente e cultura – ha detto l’assessore Nunzio Campitelli, promotore del programma – con l’obiettivo di unire la riserva regionale “Lago di Penne” e il nostro centro storico”.

Guarda anche

Gran Sasso: Azione Civile Abruzzo “vergognose le minacce di Toto”

L'Aquila - Sulla questione della chiusura del traforo del Gran Sasso interviene Azione Civile, il movimento fondato dall’ex pm e oggi avvocato Antonio Ingroia, «Ci facciamo portatori dello sdegno dei cittadini abruzzesi  dinanzi alle vergognose minacce di un concessionario pubblico, che vanno respinte da una risposta ferma e decisa delle Istituzioni. I cui rappresentanti dovrebbero essere lì a tutela degli interessi e del bene pubblico, non per trattative e benevolenze verso gli interessi particolari di un soggetto che – passano le giunte regionali e i governi – riesce sempre ad incrementare il proprio potere. Come faccia resta un mistero, date le performance dei suoi tentativi imprenditoriali» .

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

5 × due =