venerdì , 23 agosto 2019
Home » Focus » Ambiente » Dune di Ortona, nasce il gruppo #DunebeneComune per dire no alle concessioni alla spiaggia di Stazione di Tollo

Dune di Ortona, nasce il gruppo #DunebeneComune per dire no alle concessioni alla spiaggia di Stazione di Tollo

Ortona – È nato il gruppo Dune Bene Comune per la difesa della spiaggia libera della Stazione di Tollo dalle concessioni balneari che il comune di Ortona vuole rilasciare dopo il bando lampo del 30 aprile. 
Il gruppo si è formato sabato scorso durante una affollatissima riunione a cui hanno partecipato una sessantina di persone, tra tanti semplici cittadini e rappresentanti delle associazioni, che hanno risposto ad un appello circolato in rete con appena due giorni di preavviso.

“Domenica sera –spiegano i coordinatori– è nata la pagina facebook “Dune Bene Comune – Spiaggia Libera Stazione di Tollo” https://www.facebook.com/dunebenecomune/ che in due giorni ha raccolto tantissimi “mi piace” (ora siamo già a 1.650), segno tangibile dell’interesse dei cittadini per questo tratto di costa (hashtag #dunebenecomune).
Le bellissime dune di Ortona, che ospitano specie protette che vanno dal fratino al giglio di mare, meritano un’attenta protezione e gestione come spiaggia libera e non certo una forma di progressiva privatizzazione che comporterebbe il depauperamento della loro bellezza”.
La pressione sulla costa abruzzese già pesantemente cementificata sta aumentando ulteriormente, con interventi dissennati e diffusi. Le dune stanno scomparendo anche dagli ultimi tratti di costa. “Riteniamo quella del comune di Ortona di assegnare 10 concessioni una scelta erronea anche dal punto di vista del turismo, –commentano gli attivisti– visto che i visitatori sono ormai alla ricerca di luoghi che abbiano preservato il loro carattere naturale. Crediamo sia miopia pensare di “sviluppare” questa località omologandola a quelle di aree cittadine.
Per questo lotteremo in ogni sede, anche legale, per preservare questo luogo meraviglioso sia ora contro queste concessioni sia in sede di nuovo Piano demaniale marittimo.
Facciamo appello a cittadini, associazioni ed enti affinché aiutino la nostra azione”.

Guarda anche

Co.n.al.pa. I pini della Val Vibrata vanno tutelati

In merito alle recenti richieste di abbattimento dei sessanta pini storici della SS-259 sulla Val Vibrata interviene il Co.n.al.pa. delegazione Abruzzo con una nota.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

tredici + 18 =