domenica , 20 ottobre 2019
Home » Focus » Ambiente » La Polizia Provinciale di Pescara scopre a Pianella una discarica abusiva. Multa per il comune

La Polizia Provinciale di Pescara scopre a Pianella una discarica abusiva. Multa per il comune

Pianella –

Era il 20 Agosto 2019 quando in Contrada Conoscopane nella zona industriale del centro vestino la Polizia Provinciale di Pescara nel corso di un sopralluogo scopriva una discarica di rifiuti consistenti in residui di potature e sfalci provenienti da lavori comunali il tutto insieme ad altri materiali da demolizione e imballaggi misti che erano stati abbandonati su un area di parcheggio di 800 mq. ad uso della zona industriale.
La Polizia Provinciale aveva allora multato il Comune di Pianella per la somma di 6.500€ diffidando lo stesso a ripristinare i luoghi entro 3 giorni, e a dare comunicazione successiva dell’avvenuto smaltimento e bonifica del sito. 

Nell’ultimo Consiglio Comunale del 26 Settembre 2019, l’amministrazione comunale ha posto all’O.D.G. la “Variazione di Bilancio previsionale 2019”, per poter pagare la multa ed’è stato necessario sottrarre la somma, dai capitoli di Bilancio inerenti i lavori pubblici in corso, ha reso noto il consigliere comunale di opposizione Gianni Filippone che in una nota afferma,  «la maggioranza si vuole sottrarre alle sue responsabilità ma la vorrebbe imputare agli operai che materialmente hanno eseguito i lavori. Nel mio intervento in qualità di Consigliere Comunale capogruppo di “Pianella Vicina”, in merito al suddetto punto all’O.D.G., ho fatto rilevare che, dopo aver letto i documenti, si evidenziano chiaramente omissioni rispetto all’osservanza di alcune leggi e anche la cattiva gestione amministrativa nonché la carente applicazione del contratto d’appalto del “Servizio di Igiene urbana” stipulato con la società CONSAC».

UNA DISCARICA ATTIVA GIÀ NEL 2014

Filippone spiega di aver  ribadito in consiglio comunale come già anni addietro nel  2014 con una interpellanza, con oggetto “Inquinamento nella zona artigianale – industriale di C.da Conoscopane di Pianella”, segnalava che nello stesso parcheggio della suddetta zona artigianale, vi era una discarica di residui di potatura, calcinacci e pannelli di Eternit, allegando anche delle foto. «Nella risposta l’assessore delegato Antonio Faieta, affermava che era solo un deposito momentaneo e in breve tempo veniva smaltito tutto il materiale, in parte da una ditta specializzata e in parte dalla CONSAC».

Il consigliere di opposizione ricorda inoltre come in quell’area diventata di discarica nel Marzo 2018 vi fu un incendio che vide un intervento dei Vigili del Fuoco di Pescara per spegnerlo “ i quali sicuramente relazionarono in merito a chi di dovere” commenta.

IPOTESI DI RESPONSABILITÀ

«Ho evidenziato anche–aggiunge Filippone– che il Revisore unico del Comune di Pianella Dott.ssa Emilia Ferretti, nell’esprimere il suo parere in merito al punto all’O.D.G., nel dare il parere favorevole, raccomanda all’ente, di verificare il ricorrere di ipotesi di responsabilità nella commissione della violazione, al fine del recupero delle somme e di adottare gli atti consoni alla legittimazione del debito”.

Il consigliere aggiunge di aver rilevato  che non si conoscono le ragioni per cui non è stato attivato da parte del responsabile di settore, lo smaltimento delle potature tramite la CONSAC, “la quale era tenuta secondo contratto a svolgere questa attività”.

«Dato che questo tipo di organizzazione dell’amministrazione comunale di Pianella va avanti in questa maniera da almeno cinque anni, –aggiunge– la quale ha determinato di fatto una discarica a cielo aperto su un’area di parcheggio, peraltro senza recinzione e nessun controllo, di conseguenza ha potuto sicuramente incentivare altri soggetti terzi, tutt’oggi ignoti, a scaricare rifiuti di qualsiasi tipo».

PER FILIPPONE LA RESPONSABILITÀ RICADE SUGLI AMMINISTRATORI

Filippone fa sapere di aver annunciato il suo voto contrario al punto all’o.d.g., ritenendo che che il pagamento della sanzione emessa dalla Polizia Provinciale non sia dovuto dal Comune di Pianella, ma va attribuito alle responsabilità degli amministratori e responsabili di area, del periodo 2014 al 2019 “per le loro negligenze e omissioni“.

«Invitando altresì tutti i Consiglieri –conclude il consigliere di opposizione– a riflettere bene sulle responsabilità che si assumono con questa votazione, in quanto sappiamo che c’è una indagine in corso. Chiedendo alla responsabile del settore finanziario del Comune di Pianella, di inviare tutta la documentazione all’esame della Procura della Corte dei Conti Regionale, al fine di verificare la correttezza dei comportamenti di tutti i soggetti responsabili interessati. Qualora vi fosse un rifiuto da parte della stessa responsabile, provvederò ad inviarla personalmente».

Guarda anche

Raccolta Differenziata: a Chieti verifica con analisi a campione di un autocompattatore, molti errori da parte degli utenti

Chieti - Si è svolto questa mattina un ennesimo “blitz” voluto dal Comune di Chieti e dal Consorzio Formula Ambiente per analizzare il contenuto di un autocompattatore in servizio a Chieti Scalo. Si fanno sempre più serrati i controlli sul territorio al fine di analizzare il corretto conferimento della spazzatura da parte dei cittadini. Questa mattina, mercoledì 16 ottobre, i tecnici della ditta Eco-Servizi 2, incaricati dal Consorzio Formula Ambiente e dal Comune di Chieti, hanno analizzato a sorpresa il contenuto di un autocompattatore in servizio nella zona di Chieti Scalo.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

sedici − dodici =