sabato , 14 dicembre 2019
Home » Focus » Cronaca » Denuncia shock del consigliere regionale Smargiassi (M5S) “Al San Pio topi e scarafaggi nei locali della cucina”

Denuncia shock del consigliere regionale Smargiassi (M5S) “Al San Pio topi e scarafaggi nei locali della cucina”

«A DUE PASSI DAL REPARTO DIALISI, VENGA IMMEDIATAMENTE EFFETTUATA LA BONIFICA,
I LOCALI CUCINA SONO ADIACENTI AD ALTRI REPARTI CHE OSPITANO PAZIENTI IN CURA. FATTO GRAVISSIMO»


“Uno spettacolo raccapricciante per cui vogliamo immediate spiegazioni, sia dalla ditta che deve occuparsi del servizio ristorazione, e quindi anche della pulizia dei locali seppur non in uso in questo momento, sia dalla Asl poiché siamo all’interno di un ospedale pubblico” lo afferma il consigliere regionale Pietro Smargiassi che ieri nel corso di una visita ispettiva si è trovato davanti a topi e scarafaggi nei locali dell’ex cucina. Una situazione così grave che lo ha spinto a recarsi immediatamente dai Carabinieri per denunciare quanto visto all’interno dell’Ospedale.

“Ci hanno riempito la testa con la necessità di esternalizzare il servizio cucina poiché i locali erano vecchi e giudicati dai NAS non idonei. Ci hanno parlato di risparmi e riduzione dei costi. Ma quello che non ci hanno detto è che il servizio cucina al San Pio di Vasto è stato interrotto probabilmente perché tutto è stato abbandonato all’incuria consentendo a scarafaggi e topi di banchettare in libertà. I locali oggi sono pieni di blatte morte e io ho potuto vedere con i miei occhi un topo stecchito in una trappola a colla. Ricordiamo che le cucine non sono in un locale separato dalla struttura, ma adiacenti al reparto dialisi in cui tanti pazienti si recano per le cure quotidianamente. La salubrità dei locali è una responsabilità della stessa ditta che oggi prepara i pasti nella struttura di Lanciano e poi li porta al San Pio. Ci dicano cosa ha portato questi locali a un così grave stato di abbandono! Non vogliamo pensare che la volontà di esternalizzare il servizio, per motivi ancora ignoti, abbia portato ad un voluto abbandono dei locali. Sarebbe gravissimo e sicuramente non accettabile. Quella della cucina del San Pio sta assumendo i connotati di una storia senza fine, piena di fumosità e lacune. Io ho visto spesso il personale lavorare e fare enormi sforzi per mantenere pulita una cucina vecchia che necessitava di ammodernamento, oggi appena il servizio è stato interrotto è uscito tutto quello che si nasconde tra le mura del San Pio e non è un bello spettacolo.
Chiediamo, quindi, che venga immediatamente attuato tutto quanto necessario per sterilizzare e bonificare i locali perché sono parte dell’ospedale e adiacenti ad altri reparti. Chiediamo che subito dopo la bonifica, che comunque dovrà essere fatta, il servizio venga reinternalizzato poiché in una struttura pubblica le possibilità di controllo sono più ampie anche per i consiglieri regionali e per organi di controllo pubblici, che invece non hanno libero accesso in cucine private. A questo proposito chiediamo pubblicamente che siano aperte le porte della struttura di Lanciano in cui provvisoriamente si preparano i pasti per il San Pio. Dopo quello che abbiamo visto oggi a Vasto, il minimo è controllare la struttura lancianese gestita dalla stessa ditta che oggi si è occupata delle cucine di Vasto” conclude.

Guarda anche

Basta illegalità, soprusi e violenze a Rancitelli. Il 30 novembre in piazza contro ogni mafia e criminalità

Pescara - L’attentato incendiario a Rancitelli, rappresaglia per una testimonianza televisiva della realtà che vive una zona di Pescara sempre più ostaggio di violenze, spaccio, racket e comportamenti mafiosi, è la dimostrazione dell’escalation in atto. Un episodio gravissimo e inquietante che viene dopo le aggressioni a due troupe televisive e l’intimidazione al consigliere regionale Pettinari, momenti più eclatanti di violenza e soprusi quotidiani. Sabato 30 novembre alle ore 10,30 in Via Tavo 165, per esprimere vicinanza alla donna coraggio alla quale hanno bruciato la macchina.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

4 × cinque =