lunedì , 17 febbraio 2020
Home » Terza pagina » Cultura » Abruzzo Bike Friendly: la Regione pubblica il bando per un logo …per il vincitore un attestato

Abruzzo Bike Friendly: la Regione pubblica il bando per un logo …per il vincitore un attestato

Pescara – «La Regione Abruzzo, su iniziativa dell’assessorato al Turismo, indice un concorso di idee per la progettazione di un marchio da utilizzare per identificare la rete regionale delle strutture ricettive turistiche e dei servizi complementari denominata “Abruzzo Bike Friendly” volta a favorire lo sviluppo e la qualificazione dell’offerta cicloturistica nella Regione Abruzzo». questo è quanto si legge nella nota stampa degli uffici della regione su un bando che già fa discutere. Al concorso l’Ente invita a partecipare, società e studi di grafica; società di comunicazione; società di pubblicità; singoli professionisti (grafici, designer, pubblicitari, architetti); laureati e diplomati e studenti regolarmente iscritti a corsi di laurea. In pratica oltre ai professionisti della comunicazione, chiunque abbia un diploma e indipendentemente dalla formazione potrà partecipare.

«Il marchio –si legge ancora nella nota – sarà utilizzato in tutte le comunicazioni promozionali, ivi comprese quelle istituzionali della Regione Abruzzo. La tipologia di prodotti di comunicazione su cui potrà essere apposto il marchio è rappresentata da: brochure, manifesti e locandine, siti internet-blog e web banner, applicazione per smart phone, adesivi, porta-cellulare-MP3, video-spot promozionale, pubblicazioni di opuscoli e documenti, comunicati stampa, etc. su differenti media e ne potrà essere fatto uso da parte dei soggetti aderenti alla rete regionale bike friendly».

IL PREMIO
L’autore del progetto che sarà riconosciuto vincitore dalla Commissione giudicatrice, si legge al punto 6 del bando, riceverà formale attestato di riconoscimento rilasciato in occasione della conferenza stampa di presentazione del marchio che sarà indetta dall’Assessorato regionale, …wow!
I partecipanti al concorso, come si legge al punto 8 manterranno la proprietà intellettuale, (che è garantita per legge N.d.R.), ma chi vincerà dovrà cedere tutti i diritti di utilizzazione alla Regione Abruzzo «senza alcuna corresponsione in denaro o citazione esplicita dei crediti».
Sempre al punto 8 viene precisato, «Qualora si rendesse necessario l’idea elaborata dal vincitore potrà essere unilateralmente modificata, adattata e/o adeguata agli standard grafici professionali da parte della Regione Abruzzo» e qui sovviene qualche dubbio, se sul lavoro scelto l’autore mantiene la proprietà intellettuale, e questo una volta scelto verrà pure conclamato pubblicamente come opera del suo ingegno, come potrà l’Ente (se si rendesse necessario) intervenire a posteriori ?

Un bando questo scrivevamo in apertura, che ha fatto discutere, sul sito de “I Pirati grafici” un portale molto seguito da chi opera nel mondo della comunicazione e che più volte negli ultimi tempi ha sollevato l’allarme su quanto venga spesso sminuita la figura del designer grazie a situazioni simili, si legge “La superficialità con cui vengono elaborati questi bandi di concorso è agghiacciante, non si fa che diffondere una cultura sbagliata e pericolosa, togliendo valore e quindi anche dignità ai professionisti della comunicazione visiva.” e ancora “Se le istituzioni stesse se ne fregano del design, allora le PMI come possono iniziare a ragionare in modo corretto?”.

 

IL LINK ALL’ARTICOLO DI PIRATI GRAFICI

https://www.ipiratigrafici.it/regione-abruzzo-un-altro-logo-gratis/?fbclid=IwAR1qSdD6aKlA8tN0tUqHJSXm9__2ZbmNrGhEalnlR1FiosFnY3Jiz5E0e8s

Guarda anche

Alberto Caviglia Ospite della libreria On the Road con il suo ‘Olocaustico’

Il libro: David Piperno è un giovane ebreo romano che si è trasferito in Israele …

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

20 − dodici =